Cartello anti lucciole, “ordinanza proibizionista e inutile”



cartello
Divieto prostituzione

Si torna a discutere del famoso cartello anti lucciole affisso a Torre Annunziata diverso tempo fa. Scoppiano le polemiche dell’Arcigay e dei Radicali

Nuovamente in voga la polemica che riguarda l’affissione del cartello anti lucciole, anti prostituzione, reso pubblico diverso tempo fa nella zona di Torre Annunziata. E’ raffigurata una donna in abiti succinti con una grande barra rossa diagonale, ad indicare il divieto di prostituirsi in quel luogo.

Ad essere intervenuti questa volta non sono stati i cittadini, che avevano chiesto una maggiore sorveglianza nelle loro zone a causa del continuo transito di clienti che si recavano da queste donne, ma l’Arcigay e i Radicali. Il Presidente Arcigay Vesuvio Rainbow, Daniela Lourdes Falanga, ed il  presidente dei Radicali Napoli, Antonello Sannino, hanno sollevato la polemica, ritenendo questo cartello una ordinanza proibizionista, vecchia, inutile se non addirittura dannosa e fallimentare come ogni forma di proibizionismo”. Quella immagine riproduce secondo il loro punto di vista ”la visione sessista e ideale della donna, peraltro accanto ad un palo, mortificandola e annientandone la dignità“.

Leggi anche