Cardito, bimbo morto e sorellina ferita a causa di percosse

napoli

Tragedia a Cardito: un bimbo di sette anni è stato trovato morto nella sua abitazione a seguito di una lite familiare. Ferita la sorellina

CARDITO, 27 GENNAIO – Una violenta lite familiare è finita in tragedia a Cardito, comune dell’area Nord di Napoli. Un bambino, di soli 7 anni, è stato trovato morto all’interno della sua abitazione; la sorellina, di 8 anni,  risulta ferita.

A fare la tragica scoperta sono stati gli agenti del commissariato di Afragola. Una volante è giunta repentinamente sul posto a seguito di una segnalazione per lite tra coniugi.

Il bimbo era adagiato sul divano e sarebbe giunto all’ospedale di Frattamaggiore già privo di vita. La sorellina ferita è stata ricoverata all’ospedale Santobono. Non risulta in pericolo di vita nonostante il trauma cranio-facciale e contusioni multiple per il corpo.

Secondo le prime ricostruzioni, ad essere stati fatali per il piccolo sarebbero state le percosse ricevute dal compagno della madre.

Gli agenti del commissariato hanno interrogato la donna, 30enne di Cardito, e il suo compagno, italiano di origini tunisine.

La denuncia di Francesco Emilio Borrelli

A rendere nota la tragica vicenda avvenuta a Cardito, consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della commissione sanità.

«Si tratta di un’immane tragedia – scrive Borrelli – sulla quale è necessario fare subito chiarezza su quanto accaduto prima, durante e dopo l’uccisione del bimbo. Ringrazio medici e infermieri, molti dei quali sono rientrati spontaneamente in servizio, per quanto stanno facendo in queste ore per essere vicino alla bimba garantendole le cure necessarie».