Cardarelli, chiude il reparto per la terapia del dolore

Il pensionamento del primario porta alla chiusura dell’unico centro in Campania specializzato nella terapia del dolore

Il Primario del Reparto per la terapia del dolore dell’ Ospedale Cardarelli di Napoli va in pensione e così succede che l’intero reparto chiuda. Il centro specializzato nelle cure palliative e terapia del dolore nei malati in fase terminale ed oncologica,  è l’unico nella Regione Campania e accoglie pazienti provenienti da tutte le provincie, proprio per questo nei giorni scorsi era partita una petizione online contro la chiusura del Reparto.

La petizione è partita una settimana fa a cura di Vincenzo Montrone, anestesista e terapeuta del dolore che ai microfoni dei colleghi di Repubblica.it non nasconde l’ amarezza e il dispiacere: “sono deluso, amareggiato, vedo l’immensa miopia della politica, il clientelismo e adesso vedo svanire il sogno per cui 40 anni fa, da pioniere, mi battevo per far nascere questa disciplina”.

Cosa succederà ora? Ad illustrarlo è o stesso Montrone: “tutti i malati che arriveranno in fase terminale e ricoverati nelle varie divisioni, saranno inviati, come accadeva molti anni fa, nel dipartimento di emergenza (rianimazione, terapia intensiva, medicina di urgenza) determinando ricoveri impropri e una morte priva di umanità. Tra le conseguenze negative anche il fatto che questi ricoveri sottrarranno posti letto, negando a loro volta una speranza di salvezza ad altri pazienti. Se non sottoponendosi ai vergognosi trasferimenti in elicottero”.