6 Luglio 2021

Carcere e violenze. Striscioni anti penitenziaria

carcere

Striscioni di odio nei confronti dei poliziotti penitenziari a Pozzuoli con su scritto “Il carcere è tortura, aboliamolo!”. Le manifestazioni di odio si susseguono dopo ciò che è accaduto a S. Maria Capua Vetere lo scorso 6 aprile

Continuano le manifestazioni di odio contro la Polizia Penitenziaria dopo i pestaggi dei detenuti avvenuti il 6 aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere e usciti a galla negli ultimi mesi

Secondo quanto riporta ANSA, dopo vari striscioni trovati a Roma e Cagliari dei giorni scorsi, questa volta lo striscione denigratorio è stato esposto a Pozzuoli, in provincia di Napoli.

Il carcere è tortura, Aboliamolo!, si legge. Nei giorni scorsi il provveditore reggente delle carceri della Campania Carmelo Cantone, attraverso una circolare, ha consigliato ai poliziotti della Penitenziaria di recarsi al lavoro indossando abiti civili e non la divisa, per evitare di farsi riconoscere in strada ed esporsi al rischio di ritorsioni.

Potrebbe interessarti anche: Carcere di Santa Maria Capua Vetere: il racconto choc di un detenuto

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie di Cronaca, Attualità, Sport, Cultura, Curiosità e Università, seguici sulla nostra pagina Facebook Napoli ZON: CLICCA QUI e lascia un like e ricorda che siamo anche su Instagram e poi anche su Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.