Carabiniere ucciso nella notte: era di Somma Vesuviana



carabiniere
FOTO: teleclubitalia.it

È di poche ore fa la notizia secondo la quale il carabiniere Mario Rega Cerciello di Somma Vesuviana, nel corso di una rapina, è stato ucciso a Roma da due nordafricani

La comunità di Somma Vesuviana si sveglia con una tragica notizia. Ieri in tarda serata, è stato ucciso da circa 7 coltellate il vicebrigadiere Mario Rega Cerciello, di anni 35, a Roma in zona Prati.

Tutto è iniziato quando una donna è stata vittima di un furto della sua borsa. In seguito la donna avrebbe chiamato da un altro telefonino il suo cellulare all’interno della sua stessa borsa, per cercare di recuperare almeno le chiavi di casa e i documenti. I malviventi, che da una prima indagine risultano essere originari del nord Africa, le hanno dato appuntamento un paio d’ore più tardi, cercando di estorcerle denaro.

La signora è stata accompagnata da due carabinieri, e durante lo scambio, ne è nata una colluttazione, nella quale ha perso la vita Cerciello.

Immediato l’intervento di altre pattuglie e dell’ambulanza. Il vicebrigadiere, trasportato d’urgenza al Santi Spirito, è morto poco dopo il ricovero. Una delle coltellate è stata data proprio vicino al cuore.

Immediata la reazione da parte delle istituzione per la morte del vicebrigadiere. Il Viceministro Matteo Salvini ha twittato così la notizia: “Caccia all’uomo a Roma, per fermare il bastardo che stanotte ha ucciso un Carabiniere a coltellate. Sono sicuro che lo prenderanno, e che pagherà fino in fondo la sua violenza: lavori forzati in carcere finché campa”. Non si è fatta attendere neanche la reazione del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta: “Stanotte il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega è stato accoltellato mentre era in servizio. Stringo in un forte abbraccio sua moglie, la sua famiglia e i suoi cari. Tolleranza zero per questi delinquenti che hanno commesso questo vile atto!”

Per visionare il twitt di Matteo Salvini clicca qui

Fonte ANSA

Leggi anche