Capri, protesta blocca l’accesso al porto di Marina Piccola

Capri

Capri, Marina Piccola bloccata da alcune barche posizionate di traverso; protesta organizzata da alcune compagnie marittime di Massa e Amalfi

È notizia odierna quella che vede Marina Piccola paralizzata da più di 5 ore in seguito a una protesta organizzata da alcune compagnie marittime, provenienti da Massa e Amalfi, alle quali sarebbe stata negata la possibilità di attraccare nel porto in questione. E’ per questa ragione che alcune barche di diverse compagnie coinvolte, quelle di Marina Lobra, Sant’Andrea e Sant’Antonio, hanno deciso di attuare una forma di disapprovazione pacifica, collocandosi di traverso nel porto e paralizzando il traffico marittimo di Capri sotto gli occhi incuriositi e stupiti di migliaia di turisti.

Non questioni di sicurezza, alla base del divieto di attracco, spiega l’ armatore Gambardella, ma una questione di numeri: “ma dei mille passeggeri che sbarcano qui, solo 250 sono i nostri effettivi. Che versano una regolare tassa di sbarco. Se il comune vuole ridimensionare gli approdi– chiosa Gambardella- non può, senza trovare soluzioni alternative, affossare tre aziende che fanno questo da trent’anni”.