Capri, malato di tumore. La Caremar vieta l’imbarco

ambulanza

Oggi, 19 Giugno, è stato negato l’imbarco sulla nave Caremar da Napoli ad un’ambulanza. C’era un paziente a bordo

Un argomento che sta scatenando un vero e proprio dibattito che vedrà coinvolti istituzioni e stampa per il diritto alla sanità e che vede protagoniste le isole, in questo caso Capri.

Questa mattina l’episodio: un paziente originario dell’isola di Capri, che era a Napoli per effettuare delle terapie oncologiche. Intenzionato a tornare a casa, si è visto negare l’imbarco a causa della posizione assunta di recente dalle Compagnie di navigazione di linea ed è rimasta ferma a Calata Porta di Massa. Tale diniego va avanti da giorni e ha indotto il sindaco di Capri, Marino Lembo, ad emanare un’ordinanza notificata agli armatori della Compagnia Caremar per consentire i trasferimenti via mare agli ammalati isolani.

Tale ordinanza, però, è stata totalmente ignorata. L’ambulanza è rimasta ferma sul molo dello scalo napoletano. Intanto, il sindaco di Capri, dal Palazzo Municipale, ha messo in moto un’unità di crisi comunicando il gravissimo episodio a tutte le autorità. Tra queste sono presenti il Prefetto e gli Uffici dell’ Ammiragliato, per consentire il pronto rientro sull’isola dell’autoambulanza con il paziente per la prossima nave veloce delle 17.25.

Per ulteriori notizie, clicca qui