Il Cantiere di via Marina prolungato fino a Settembre 2017

cantiere
CRO 16-3-2016 Via Marina avanzamento Lavori (newfotosud Antonio Di Laurenzio)

Il cantiere di Via Medina è stato nuovamente prolungato. Dal 17 Gennaio (data in cui sarebbe dovuto terminare) è stato slittato al mese di Settembre

“La storia infinita” sembra essere la base su cui poggia il cantiere di via Marina. I lavori dovevano terminare il 17 Gennaio di quest’anno, ma, ancora una volta, sono stati protratti fino a Settembre .(e potrebbero protrarsi di altri due anni ancora). La motivazione? Non ci sono né i fondi né le licenze necessarie per effettuare tutti i restauri nel tempo previsto.

La storia del restauro di via Marina sembra quasi avere radici nel Paleolitico! L’opera è stata finanziata con i fondi Pon Fesr 2007-2013, che rientrarono nel Grande Progetto Napoli Est. Per l’ammissione al finanziamento passarono due anni (dal 2011 al Maggio 2013), circa un anno per l’aggiudicazione (Dicembre 2013 – Gennaio 2015) e altri sei mesi tra ricorsi al Tar. Alla fine, i veri e propri lavori sono iniziati nel 2015 ma, la data della scadenza dei lavori sembra non aver fine.

L’intero appalto di via Marina da 15,8 milioni è composto da un unico lotto, lungo 3 km e diviso in 4 tranche: via Vespucci-via Volta, via Reggia di Portici, via Ponte dei Granili e via Ponte dei Francesi. La prima parte dei lavori (quella riguardante via Vespucci-via Volta) è quasi terminata. Però, prima che verrà costruita la corsia preferenziale, la linea di trazione del tram, la segnaletica stradale, rimessi vecchi lampioni dell’Enel, ci vorranno almeno altri due mesi. Anche via Reggia di Portici è in fase di completamento, mancano solo le rifiniture, la messa a punto dei marciapiedi, la segnaletica e l’installazione dei nuovi lampioni. Meno avanzate, invece, sono le tratte di via Ponte dei Francesi e via Reggia di Portici per le quali ci vorrà ancora molto tempo.

Attualmente è atteso il pagamento da parte del Comune del quarto saldo: 1,6 milioni di euro di lavori certificati dalla ditta fino al 31 dicembre scorso e riconosciuti dalla Regione Campania. Il problema dei ritardi (come hanno spiegato al Municipio) è legato anche al complesso e lungo iter dei fondi europei, che prevede prima l’esecuzione dei lavori, poi la certificazione da parte dell’azienda, e quindi l’invio delle carte alla Regione, che deve sbloccare le risorse, consentendo così al Comune di liquidare le fatture.

Insomma, almeno per adesso, sembra che quel tratto di strada sarà ancora interamente sommerso dal traffico a causa dei prolungati lavori.