Caivano: il Sindaco Monopoli ritira le dimissioni

Caivano: Simone Monopoli ritira le dimissioni, ma la maggioranza è ridotta al minimo

Con una missiva al Presidente del Consiglio Comunale, al Segretario Generale e al Prefetto di Napoli il Sindaco di Caivano, Simone Monopoli ha ritirato le sue dimissioni presentate il 19 luglio a seguito di una crisi politica manifestatasi in Consiglio Comunale.

La crisi si manifestò a seguito di una convocazione del Consiglio con all’ordine del giorno importanti adempimenti da approvare, allorché mancò il numero legale.

In questi giorni che sono trascorsi, il Sindaco ha cercato di ricostruire lo strappo, analizzando le cause della frizione generatasi all’interno della coalizione.

Il 5 agosto veniva presentata la richiesta dei consiglieri di maggioranza di ritirare le dimissioni presentate.

Una maggioranza che però oggi è ridotta di ben 5 unità, 3 consiglieri de “La Svolta” più il Consigliere  Giamante (socialista) e Frezza (F.I.). I consiglieri a favore del Sindaco ora sono 12  compreso il presidente del Consiglio Comunale Avv. Del Gaudio. Pertanto, solo il voto dello stesso Monopoli gli consentirà di andare avanti e mantenere la maggioranza.Monopoli

Il Sindaco sulla sua pagina facebook  ha dichiarato: “ho ritirato le dimissioni dopo aver verificato il sostegno della coalizione di governo e la volontà di continuare per procedere all’attuazione del programma di discontinuità di risanamento del Comune. È allo stesso tempo evidente che pubblicamente affronteremo i temi del rilancio che chiuderanno la fase di verifica interna”.

Sulla vicenda l’Assessore alle Politiche Sociali, Maria Iommelli, da noi interpellata, ci ha rilasciato la seguente dichiarazione: “i 20 giorni trascorsi sono passati. Venti giorni di limbo, che però non hanno visto la sospensione del lavoro che viene effettuato all’interno del Comune, soprattutto all’interno del settore delle Politiche Sociali, che è un settore molto complesso, un settore cha a volte veste i panni di pronto soccorso, perché le emergenze e leMaria Iommelli emorragie sono tante e si opera sempre in emergenza per poter tamponare al meglio le situazioni che si verificano. Certo adesso con il ritrovato accordo di maggioranza si può iniziare a lavorare con più serenità tenendo obiettivi più precisi in modo da poter migliorare quelle che sono le condizioni dei minori, delle donne e degli anziani e di un territorio che merita molto di più. Un territorio che deve rinascere. Tutto questo tenendo conto che purtroppo siamo in presenza di un Comune che ha dichiarato il dissesto finanziario”.