Buttafuori feriti in seguito ad un raid a Nola

buttafuori

Sabato notte, a Nola, due buttafuori sono stati feriti alle gambe, proprio all’esterno della discoteca dove stavano lavorando…

La notte scorsa, due buttafuori sono stati feriti con colpi d’arma da fuoco da uno sconosciuto, il quale ha usato un fucile da caccia ferendo i due alle gambe.

La discoteca, dov’è avvenuta la sparatoria, è la ”Nemo Eventi”, situata in via San Gennaro (Nola), l’aggressore, ancora sconosciuto, ha usato l’arma per ferire i due buttafuori alle gambe, mentre si trovavano all’esterno del locale.

Probabilmente, la sparatoria, è stata architettata per vendetta da qualcuno che, qualche ora prima, era stato allontanato dal locale, per aver provocato una rissa.

L’episodio, infatti, si è verificato nel corso di una festa organizzata sabato sera e alla quale hanno partecipato giovani liceali ed universitari della zona.

In seguito ad una rissa i due buttafuori hanno deciso di allontanare qualche giovane dalla festa, riportando così la calma temporanea, infatti, poco dopo, si è udito il rumore di uno sparo in aria, usato probabilmente come avvertenza ed in seguito il fuoco contro i due buttafuori.

I colpi, hanno ferito i due alle gambe, quarant’anni il primo e trenta il secondo, i due uomini sono residenti l’uno a Camposano e l’altro a Cicciano.

I due buttafuori sono stati soccorsi immediatamente e trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, uno è stato dimesso dopo qualche ora, avendo riportato ferite al calcagno sinistro guaribili in 7 giorni, lo stesso non si può dire del collega, colpito al collo del piede sinistro, è stato ricoverato ed i medici hanno emesso una diagnosi di 15 giorni.
Sul posto sono subito intervenuti i militari della stazione di Piazzolla e quelli del nucleo operativo radiomobile di Nola, dopo i primi rilevi effettuati dagli uomini dell’Arma, sono state ritrovate tre cartucce a pallini calibro 12 esplose e una inesplosa.

Al momento nessuno dei presenti, neanche i feriti è riuscito a dare un identikit dell’aggressore, ma le forze dell’ordine stanno controllando la pista che ricondurrebbe l’aggressore ad una delle persone allontanate dalla festa a causa della rissa.