Boom di turisti a Capri, Ischia e Procida, è quasi allarme



Turisti
Caos sulle isole

Per il ponte del 2 giugno, vero e proprio boom di turisti nelle isole dell’arcipelago campano. Capri, Ischia e Procida scoppiano di turisti, ma non tutti sono contenti. L’amministrazione caprese storce infatti il naso: “Troppe file sotto il sole, rischiamo di scoppiare”

2 Giugno, record di turisti

Boom di turisti nelle isole campane.

Capri, Ischia e Procida sono infatti state prese d’assalto in occasione del ponte del 2 giugno.

turisti
La Marina Grande

Sorridono gli albergatori per il pienone del ponte del 2 giugno, con migliaia di sbarchi sull’Isola Azzurra. Ma non tutti sono soddisfatti di questo boom del turismo isolano.

Le lunghissime file a Marina Grande, infatti, hanno fatto storcere il naso all’amministrazione.

Centinaia di persone, questa mattina, hanno atteso per ore la funicolare sotto un sole cocente. Secondo il comune, la causa è dovuta ai massicci sbarchi di turisti mordi e fuggi.

Così rischiamo seriamente di scoppiare”, ha denunciato l’assessore al Turismo, Antonino Esposito.

Secondo un’indagine, le strutture ricettive di ogni tipo sono strapiene, e il problema sono quelli che sbarcano in contemporanea.

Se le compagnie marittime hanno intenzione di far strozzare l’isola“, ha detto Esposito, “Noi non possiamo consentirlo”.

L’assessore rilancia annunciando di voler informare il MiBact, il Ministero dei Beni Culturali e Architettonici.

Solleciteremo il conferimento alla nostra amministrazione di nuovi poteri in materia di regolamento dei flussi”, dice Esposito.

In questo modo, però, obietta qualcuno dall’opposizione, torna d’attualità la più volte dibattuta questione del “numero chiuso” delle spiagge.

Noi non possiamo escludere nessun provvedimento, compreso quello di stabilire un tetto massimo di arrivi giornalieri“, ha concluso Esposito. “Fino ad oggi consideravamo tutto questo come l’ultima spiaggia, ma la movimentazione giornaliera di turisti supera oggi ogni limite di decenza”.

Lo stesso sindaco di Capri, Di Martino, poche settimane fa aveva già denunciato: “Nelle ore di punta a Marina Grande regna il caos”. Oggi il primo cittadino ha rilanciato: “E’ avvenuto anche oggi, in un sabato d’inferno. Con queste condizioni è difficile che i nostri turisti possano apprezzare la Grotta Azzurra o i nostri belvedere”.

Sollecitati investimenti

Code anche sulla terraferma.

A Pozzuoli, segnalate file consistenti agli imbarchi. Attese anche di diverse ore anche a Napoli, al molo Beverello.

A Ischia, intanto, si gongola per l’occupazione alberghiera, che sfiora il 100%. Ma anche nell’isola verde vi sono problemi.

La professionalità dei lavoratori del turismo fa la differenza“, ha detto Mennella, presidente della Federalberghi di Ischia e Capri. “Per competere a livello globale, tuttavia, la politica nazionale e quella regionale devono effettuare nuovi investimenti sulla fruibilità del territorio: aeroporto, stazioni e, in particolare, il porto“.

Leggi anche