9 Novembre 2022

Blitz campo rom di Giugliano. Borrelli: “campi che portano degrado”

Blitz dei Carabinieri nel campo rom di Giugliano. Francesco Emilio Borrelli: "campi senza leggi che portano degrado al territorio"

blitz campo rom giugliano

BLITZ CAMPO ROM – Scattano denunce e sequestri nel campo rom di Giugliano, zona Asi, dove è avvenuto un blitz da parte dei Carabinieri nelle circa 200 baracche presenti distribuite su 50mila metri quadrati di territorio.

Su questa questione sociale si è espresso, sul suo profilo Facebook, il consigliere regionale e giornalista Francesco Emilio Borrelli sottolineando che questi campi portano degrado al territorio. Nello specifico si è espresso così:

“Blitz al campo di Giugliano: tonnellate di rifiuti e bambini mai andati a scuola: “Permettere che queste realtà continuino ad esistere è da scellerati. Bisogna smantellare questi campi senza leggi e regole che portano degrado al territorio”.

Infatti delle dieci persone denunciate molti sono genitori di bambini che non sono mai stati mandati a scuola. Grave quindi il problema della dispersione scolastica. Ha poi ripreso il consigliere sulla questione del campo rom di Giugliano:

“Nel campo della zona ASI di Giugliano in Campania i Carabinieri hanno effettuato un blitz e sono state trovate tonnellate di rifiuti, anche speciali e pericolosi. Erano stoccati sul terreno, tra le abitazioni di fortuna, senza alcun filtro o copertura. Un rischio rilevante per le falde acquifere e l’ambiente circostante e una potenziale miccia d’innesco per roghi tossici”.

Sono stati sequestrati poi 18 veicoli ritrovati nel campo non ricoperti da assicurazione ma erano intestate a persone inesistenti. Sono stati ritrovati, inoltre, montagne di rifiuti speciali e pericolosi. Borrelli riprende:

“Il totale stimato di immondizie raggiunge un cumulo di circa 10mila metri cubi; tra l’altro anche solventi, pneumatici, lastre di amianto, elettrodomestici, scarti edili e tanto altro. Saranno campionati e rimossi da personale specializzato. Sequestrati anche centinaia di attrezzi per lo scasso, recuperati e affidati ad una ditta specializzata che provvederà alla loro distruzione”.

“Il livello di degrado, illegalità e di abusivismo che vige in questi campi aumenta ogni giorno di più e permettere che continuino ad esistere è una scelta irresponsabile e scellerata. È pericoloso per gli stessi occupanti e per i cittadini che vivono nelle zone limitrofe dato che parliamo di bombe ecologiche. In queste aree la legge è completamente inesistente e i bambini vivono in condizioni orribili. E’ tempo di mettere fine a queste realtà per sempre” .

Ti potrebbe interessare anche l’articolo: Pozzuoli, anziano investito da un’auto: muore il 75enne