25 Novembre 2022

Barra, discarica a cielo aperto e aumento dei tumori

A Barra in via Mastellone c'è una discarica a cielo aperto. I cittadini sono preoccupati, registrato un aumento dei tumori tra la popolazione

Barra discarica

Napoli. A Barra, città ad est di Napoli, i cittadini sono preoccupati per il continuo riversamento di rifiuti in via Mastellone. A Barra, infatti, c’è una vera e propria discarica a cielo aperto che negli ultimi giorni a causa dell’aumento di riversamenti di rifiuti sta preoccupando i cittadini.

Già in passato, la zona di via Mastellone era stato scelto come campo rom, in seguito al loro sfratto del 2021 la zona, che già versava in una situazione discutibile, è diventata una discarica. Da qui si sono succedute una serie di incendi, roghi pericolosi a causa della natura tossica dei rifiuti. L’aria spesso irrespirabile costringeva i residenti della zona a chiudersi in casa.

“E una storia che va avanti da oltre dieci anni. Già quando c’era il campo rom la situazione era critica. Gli incendi erano frequenti e spesso eravamo costretti a chiuderci in casa perché l’aria diventava irrespirabile”– Ha dichiarato Ciro Borrelli, membro del Comitato per la bonifica di via Mastellone.

Antonio Finocchio, presidente del Comitato ha invece affermato: “Credevamo che in un anno la nuova Amministrazione facesse qualcosa, invece nulla. Hanno solo messo un cancello, durato appena due giorni. Poi, gli scarichi sono proseguiti”– poi continua-“L’aria è irrespirabile e non c’è famiglia della zona che non stia vivendo una tragedia simile in questo momento. Non sappiamo neanche che cosa venga sversato in quella discarica”. 

Ciro Borrelli, invece, ha tenuto a ricordare che tutta la zona della discarica di Barra per quanto sia preoccupazione dei cittadini, a causa anche dell’alto tasso di tumori, dovrebbe interessare tutti. A pochi metri dall’ex campo rom, oggi discarica, ci sono tante serre e campi in cui si coltivano ortaggi che finiscono sulle tavole degli italiani. Così come quando piove nelle pozzanghere galleggiano rifiuti che vengono assorbiti dal terreno raggiungendo così le falde acquifere inquinando tutte le zone circostanti.

Potrebbe anche interessarti il seguente articolo:Rifiuti tra Casoria e Afragola: la denuncia di Borrelli