“Froci e terremotati”, cyberbulli all’attacco dell’Arcigay Antinoo di Napoli

arcigay di Napoli

Il sito dell’Arcigay di Napoli Antinoo riceve molti attacchi verbali tramite messaggi di posta. Il presidente opta per la denuncia sul suo profilo Facebook

Razzismo e omofobia pullulano in alcuni dei messaggi ricevuti dal sito dell’Arcigay di Napoli Antinoo. Il presidente dell’associazione Antonello Anteo Sannino ha pubblicato sul suo profilo Facebook l’ennesimo attacco verbale rivolto anche ai napoletani definiti “colerosi e terremotati”. Proprio a Napoli ha fatto tappa il Gaypride l’11 luglio. Madrina dell’evento è stata Maria Nazionale, cantante napoletana di successo. Molti i commenti di solidarietà nei confronti di Sannino, alcuni esortano a denunciare alla polizia postale tali atti di violenza verbale, spesso sfociata in violenza fisica. Di seguito il post.

Ecco uno dei tanti deliranti messaggi che riceviamo dal nostro sito di Arcigay Antinoo Napoli:
Email: frociodimerdavainelforno@libero.it
Name: frocio
Telephone: 081*********
Message:
Senti che puzza scappano anche i cani
stanno arrivando i napoletani
o colerosi, terremotati,
con il sapone non vi siete mai lavati…..

Napoli merda, Napoli colera
sei la vergogna dell’Italia intera,
napoletano sporco africano
stai pur sicuro prima o poi ti inculiamo (e so che ti piace frocio!)

Trans*

Ancora una volta abbiamo la dimostrazione che il lavoro sul riconoscimento dei diritti come sulla cultura dell’uguaglianza è tanto. Appena ieri la Corte di Strasburgo ha condannato l’Italia per la mancata legittimazione delle Unioni civili; d’altro canto, in opposizione alla politica lenta e ai cyberbulli, c’è l’opinione pubblica che secondo gli ultimi sondaggi è favorevole ai matrimoni omosessuali.