4 Agosto 2022

Aliscafo contro gli scogli a Napoli: 28 feriti

ALISCAFO CONTRO GLI SCOGLI- Fortunatamente solo tanta paura e lievi ferite per coloro che erano presenti sull'aliscafo "Città di Forio", che da Napoli era diretto a Ischia e ha sbattuto contro la banchina del molo San Vincenzo.

ALISCAFO CONTRO SCOGLI

ALISCAFO CONTRO GLI SCOGLI- Fortunatamente solo tanta paura e lievi ferite per coloro che erano presenti sull’aliscafo “Città di Forio”, che da Napoli era diretto a Ischia e ha sbattuto contro la banchina del molo San Vincenzo. Secondo quanto riportano i colleghi di FanPage a raccontarlo è una ragazza che era di ritorno dalle vacanze con le sue amiche. Ha detto: “È stato tutto all’improvviso perché eravamo appena usciti dal porto di Napoli, l’aliscafo era partito da pochi minuti, penso dovesse andare dritto e poi è dirottato è andato a sbattere dentro la banchina. Io per fortuna non mi sono fatta niente, l’impatto è stato fortissimo. Alcune persone si sono alzate in piedi, altre che erano sul lato destro dove ha sbattuto l’aliscafo sono anche volate indietro contro i sedili, un urlo fortissimo da parte di tutti perché non sapevamo cosa fosse successo. E poi subito dopo l’impatto, abbiamo urlato, si sono tutti alzati in piedi perché pensavamo al peggio, tipo che potesse entrare l’acqua poi c’era anche una bambina che è volata dal passeggino”.

Al momento il mezzo è sotto sequestro e sarà fatta un’indagine. E’ ancora da verificare cosa sia avvenuto e perché si sia verificato l’impatto ma il Comandante di Vascello e Caporeparto operativo Campania Rodolfo Raiteri, ha spiegato ai cronisti: “L’aliscafo ha avuto un’avaria al timone che lo ha fatto sbattere nella banchina che era nelle vicinanze. Ci sono stati 28 feriti lievi per fortuna, di cui tre, quattro un pochino più gravi ma sono stati prontamente soccorsi. L’imbarcazione è sotto sequestro e subirà le indagini del caso per capire con precisione qual è stato il problema”.

Leggi anche: Napoli, aliscafo urta contro il molo: ci sono dei feriti

Seguici anche su Facebook: CLICCA QUI