Albergo dei Poveri, ritorno alle origini per i senza fissa dimora



albergo dei poveri

Albergo dei Poveri, si torna alle origini: al via i finanziamenti per dedicare un’intera ala del Palazzo ai senzatetto e ai loro animali

 Albergo dei poveri, costruito nel 1749 con l’intento di ospitare tutte le masse povere del Regno, tornerà alla sua funzione originaria: è stato presentato, infatti, a Palazzo San Giacomo il progetto che prevede la destinazione di un’intera area, di circa 3000 mq, ai senza fissa dimora e ai loro animali.

All’interno di questa, i bisognosi potranno scaldarsi, soddisfare i bisogni primari ma anche avere consulenza medica gratuita per riconquistare la propria dignità di esseri umani.

Come dichiarato dall’assessore al Welfare, Roberta Gaeta, si sta lavorando per permettere l’accesso all’interno della struttura anche ai fedeli animali dei senza tetto che, spesso, rinunciano ai centri di accoglienza per non separarsi da questi.

“Si tratta di un’iniziativa che diventerà simbolo culturale della città stessa. Stiamo promuovendo una rete di collaborazione con l’intervento di psicologi e avvocati. Sono ben accetti tutti gli aiuti economici che le varie associazioni umanitarie vogliono darci. Il Rotary Club si è offerto per l’acquisto delle docce” dichiara il sindaco De Magistris appellandosi non solo ai pubblici e ai privati ma anche all’intera cittadinanza.

Il Comune ha, infatti, istituito un conto corrente postale a cui fare riferimento nel caso in cui chiunque voglia fare la sua parte per accogliere in società i senza fissa dimora. Il numero postale è il 22157804, intestato al Comune di Napoli, su cui va specificato, nella causale, “Real Albergo dei Poveri”.

“Noi vogliamo che il Real Albergo dei Poveri viva tutto l’anno, che sia pieno di giovani, non puntiamo ad eventi sporadici. Per noi tutta quell’area è fondamentale e, infatti, a giorni partiranno anche i lavori di riqualificazione di piazza Carlo III”.

 

Leggi anche