1 Giugno 2021

19enne ucciso in strada per errore: preso il killer

ucciso per errore

Fu ucciso in strada per errore nel luglio 2020. Arrestato il killer. L’agguato di origine mafiosa si consumò perchè due fazioni contrastanti erano in lotta per il controllo della piazza di spaccio di parco Smeraldo

Antimo Garnieri, 19enne, fu ucciso l’8 luglio 2020 a Casoria, in provincia di Napoli, durante un agguato di camorra. Questa mattina, sono stati arrestati due uomini, tra cui il killer. Si tratta di Tommaso Russo, indiziato di omicidio e tentato omicidio ai danni di un minore,  e insieme a lui Ciro Sannino, gravemente indiziato di estorsione aggravata.

Le indagini condotte dal Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna e coordinate dalla D.D.A. di Napoli hanno permesso di accertare che il reale obiettivo di Russo. fosse un altro soggetto scambiato per Garnieri, incensurato.

Questi reati, secondo quanto riporta NapoliToday sono aggravati dal metodo mafioso: infatti il grave episodio di sangue, è secondo gli investigatori, riconducibile alla guerra tra fazioni opposte della criminalità organizzata che erano il lotta per il controllo della piazza di spaccio del Parco Smeraldo, dove ci fu il delitto.

Potrebbe interessarti anche: Tragedia familiare: mamma e figlia trovate impiccate

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie di Cronaca, Attualità, Sport, Cultura, Curiosità e Università, seguici sulla nostra pagina Facebook Napoli ZON: CLICCA QUI e lascia un like e ricorda che siamo anche su Instagram e Twitter

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.