Violenza, donna stuprata sul Vesuvio



violenza

La notizia, risalente ad un giorno fa, riferisce della violenza subita da una donna ucraina di 37 anni da parte di due connazionali.

Non era stata ancora divulgata la notizia della violenza sessuale subita da una donna ucraina di 37 anni, abbandonata ad 800 metri di altezza, seminuda, vittima di un abuso.

La giovane era stata rapinata delle scarpe e del telefono cellulare, prima di subire violenza da parte di due connazionali di 39 anni, denunciati dalla donna stessa.

Stando al racconto della donna – ancora in stato di shock – si trovava in macchina con i due uomini per una passeggiata che, prima della violenza, probabilmente per impedirne la fuga, l’avrebbero privata del cellulare e delle scarpe. Dopo la reazione della stessa, i due l’hanno abbandonata ad alta quota, nei pressi del Parco Nazionale del Vesuvio, seminuda.

La ragazza sarebbe stata avvistata dalla polizia municipale che avrebbe prontamente allertato i carabinieri. I due criminali in fuga sarebbero stati arrestati nella stessa area e trovati in possesso di un grosso coltello.

La donna è stata condotta all’ospedale Loreto Mare di Napoli e a giudicare dai graffi, dagli ematomi e dalle ferite, è stata ritenuta guaribile in 8 giorni.

Leggi anche