Vincere non basta. Un campione confessa: “Ho pensato al suicidio.”

vincere

Essere un campione plurimedagliato in grado di vincere ogni competizione non basta a garantire una vita felice. Arriva la confessione del 33enne…

Vincere 23 medaglie d’oro, tre d’argento e due di bronzo non è abbastanza per garantire ad un campione di sentirsi felice.

Ne è la dimostrazione la testimonianza di Michael Phelps, che ha seriamente pensato di farla finita, salvo poi chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta prima di compiere il folle gesto. Ecco perché il campione ha scelto di collaborare con Mental Health Awareness Month, un sito che offre consulenze online.

 

«Una persona su quattro al mondo ha problemi di salute mentale – scrive il 33enne Phelps nel primo di una serie di post -. Io ero uno di loro. Ecco perché ho collaborato a questo progetto per il #MentalHealthAwarenessMonth: per far sapere a tutti che farsi aiutare è un segno di forza, non di debolezza».