Tragedia d’amore: “Sto arrivando angelo mio”, poi il salto nel vuoto

vincere

Tragedia d’amore in ospedale: un ragazzo di soli 32 anni si toglie la vita dopo aver appreso della morte della fidanzata…

Tragedia d’amore a Roma: un giovane di soli 32 anni ha deciso di porre fine alla sua esistenza a due mesi dalla scomparsa della sua fidanzata, di due anni più giovane, deceduta al Policlinico Gemelli di Roma per un tumore.

I fatti si sono verificati nella giornata di giovedì, quando Angelo (nome di fantasia) non ha più retto il peso dell’assenza della sua metà e ha deciso di suicidarsi gettandosi da un edificio situato a pochi passi dal presidio ospedaliero. “Sto arrivando, angelo mio”, avrebbe urlato negli attimi precedenti il folle salto nel vuoto.

Riportate in un bigliettino le ragioni del folle gesto: “Voglio stare con lei“, avrebbe scritto il trentaduenne distrutto dal dolore. Sulla triste vicenda sono attualmente in corso tutti gli accertamenti di rito: l’autopsia, gli esami clinici, i certificati e infine la restituzione della salma.

A condurre le indagini, il sostituto procuratore Roberto Felici, allertato nel pomeriggio di giovedì, quando i medici hanno potuto solo constatare il decesso dell’uomo.