Tavola Rotonda sul parto anonimo

Tavola Rotonda “Il parto anonimo, le sue implicazioni e la necessità di bilanciamento dei diritti” alla libreria “IoCiSto”

Sabato 16 Gennaio alle ore 17.30 si svolgerà a Napoli, presso la libreria “Io Ci Sto”, una tavola rotonda su un argomento di essenziale importanza per circa quattrocentomila cittadini italiani: il parto anonimo, le sue implicazioni e la necessità di bilanciamento dei diritti. Secondo l’attuale normativa, infatti, è ancora impossibile, ad oggi, esercitare il diritto alla conoscenza delle proprie origini da parte dei cittadini non riconosciuti alla nascita, nonostante la Sentenza del 18 novembre 2013 della Corte Costituzionale e l’approvazione, alla Camera dei Deputati, il 18 giugno scorso, della modifica della norma.

Parto Anonimo

Parteciperanno alla discussione il Senatore Enzo Cuomo e la Deputata Luisa Bossa. Conoscere le proprie origini biologiche, da parte di coloro che le ricercano, ha poco a che fare con la biologia, ma molto con il senso che attribuiscono alla vita e a se stessi. La ricerca di senso, insita da sempre negli esseri umani, si fa tanto più forte quando elementi essenziali della propria storia di vita sfuggono e impediscono di ricomporre l’ identità in maniera completa. È inevitabile che i figli non riconosciuti alla nascita, che non conoscono né il nome né il volto dei loro genitori e degli antenati, si sentano mancanti di un pezzo che gli appartiene profondamente. Al di là e al di sopra della necessità di conoscere la propria biologia per poter prevenire e curare malattie ereditarie, essi si pongono l’interrogativo “Chi sono io?, Qual è il luogo geografico, sociale, culturale, qual è il luogo dell’anima dal quale provengo?”. E la sua voce assordante rischia di confondere il presente e di ipotecare il futuro. Perciò chiedono, concordemente alla sentenza della Corte Costituzionale n. 278 /2013, che venga loro restituito il passato. E con esso dignità e giustizia.

Nel corso della discussione sarà presentato il libro “Il parto anonimo. Profili giuridici e psico-sociali dopo la declaratoria di incostituzionalità” di Stefania Stefanelli, Emilia Rosati, Anna Arecchia, nato con l’intento di sollecitare l’esame e l’approvazione del disegno di legge fermo ancora al Senato, che porrebbe finalmente fine ad una situazione dichiarata incostituzionale. Nel volume la ricostruzione giuridica della normativa, le motivazioni della proposta e la loro analisi sociologica ed incisive e coinvolgenti storie di vita vissuta, che aggiungono al volume un prezioso tocco di umanità.