10 Marzo 2020

Serie A, campionato a rischio: le possibili soluzioni per terminare il torneo

Serie A, Campionato sospeso

La Serie A italiana, come parecchi altri sport, si ferma fino al 3 Aprile. La situazione si complica: il Campionato e la sua regolarità è in dubbio

La Serie A si ferma. Il campionato italiano non ci terrà compagnia in questo mese di Marzo. Un provvedimento alquanto scontato, inevitabile. Si era già percepito e capito tutto Domenica. In questo contesto il calcio passa in secondo piano, ma la decisione di sospendere il Torneo potrebbe stravolgere i piani del Sistema Nazionale ed Internazionale.

Infatti, per ora l’UEFA non ha sospeso le competizioni europee. Le partite di Champions ed Europa League per ora si giocheranno, in molti stadi a porte chiuse. Ma ora l’interrogativo più grande riguarda la Serie A: si riuscirà a terminare regolarmente il Campionato? Questo è il dubbio di tutti, poichè calendario alla mano, le soluzioni sono davvero poche.

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport, i dirigenti delle società italiane avrebbero chiesto alla UEFA di slittare di una settimana l’inizio degli Europei. Così facendo, la Serie A potrebbe usufruire di giorni preziosi per recuperare le giornate in sospeso. Il problema non è però di facile risoluzione: il COVID-19 sta colpendo un pò ovunque, per cui presto parecchie competizioni potrebbero stopparsi.

L’unica cosa certa al momento è che la UEFA non ha sospeso le competizioni europee in programma. Non è del tutto da escludere che la Serie A possa essere terminata. Se infatti, non si giungesse ad un accordo, il Campionato conserverebbe le attuali posizioni in classifica. Ovviamente la situazione è in divenire e non sarà facile garantire il regolare svolgimento del Torneo. Ma è intento di tutti trovare una soluzione per scongiurare questa ipotesi. Dunque le Istituzioni sono al lavoro, vedremo se ci saranno novità già nelle prossime ore. Seguiranno aggiornamenti!

CONTINUA A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.