Scavi di Pompei: riapre il Parco Archeologico dopo l’emergenza sanitaria

scavi di pompei
scavi di pompei

Scavi di Pompei, riapre il Parco Archeologico dopo l’emergenza sanitaria: biglietto a 5 euro ed entrate con 40 persone per turno

Scavi di Pompei: riapre il Parco Archeologico dopo l’emergenza sanitaria.

La data prevista è quella del 26 Maggio con la cosiddetta fase uno che durerà fino all’8 giugno. Dal giorno successivo, invece, è prevista una fase due.

Nella prima fase i prezzi saranno ridotti: il biglietto, per permettere la ripartenza del sito, sarà di 5 Euro.

Sarà possibile passeggiare lungo le strade della città sommersa dalla lava del Vesuvio e ammirare i luoghi più suggestivi seguendo un percorso predefinito che segue tutte le misure anti-contagio e di distanziamento previste dal Ministero della Salute.

Si entrerà in fasce orarie, dalle 9.00 alle 19.00, previa prenotazione online, ogni 15 minuti, per un massimo di 40 persone a turno.

Ai visitatori sarà misurata la temperatura prima di entrare nel sito archeologico.

Si potrà accedere all’interno delle case degli scavi dotate di ampi spazi per evitare assembramenti come la Domus di Cornelio Rufo dal bel peristilio che ingloba il giardino di recente restauro.

La seconda fase degli Scavi di Pompei inizia, invece, il 9 giugno.

Due saranno gli itinerari possibili: uno con ingresso a Porta Marina, l’altro a Piazza Anfiteatro.

Saranno aperte altre dimore dell’antica città con ingressi ed uscite separate in modo da regolare i flussi che saranno, comunque, gestite dall’uso di una apposita tecnologia.

Tra le zone visitabili:

L’interno dell’Anfiteatro, il giardino della Palestra grande e nei Praedia di Giulia Felice,  la necropoli di Porta Nocera, l’Orto dei fuggiaschi per arrivare al quartiere dei teatri e al Foro triangolare.

Si potrà raggiungere il Foro con tutti i suoi edifici pubblici e religiosi, lo spazio esterno delle Terme Stabiane via del Vesuvio dove ammirare la casa di Leda, la domus gli Amorini Dorati e le Terme centrali.