Sant’Antimo, il Comune non paga più gli alberghi agli sfollati



Sant'Antimo

Sant’Antimo, le vittime del crollo di novembre per strada durante le feste: il comune non paga più le spese per gli alberghi

Durante il tradizionale concerto di Natale, tenutosi ieri nella Chiesa in Piazza della Repubblica a Sant’Antimo, erano presenti tutte le vittime del crollo di novembre in via Giannangeli.

Si attendeva anche la partecipazione del sindaco, Aurelio Russo, in quale però era assente.

Il Comune aveva comunicato che avrebbe pagato le spese per la sistemazione degli sfollati in albergo fino ad oggi, 27 dicembre, e che dopo tale data avrebbero dovuto provvedere loro alle suddette spese per continuare a restare nelle attuali sistemazioni.

Nessuna proroga, dunque, è stata concessa dal Comune, nemmeno per il periodo delle festività.

Le vittime del crollo hanno pensato, dunque, di rivolgersi a Don Francesco Campanile, parroco della Chiesa parrocchiale di Sant’Antimo, il quale ha promesso loro di parlare personalmente con il Sindaco per cercare di risolvere questa spinosa situazione.

Per adesso però l’unica cosa che resta agli sfollati è la speranza di non dover trascorrere i giorni di Capodanno per strada.

Forti le critiche, soprattutto sui social, nei confronti del primo cittadino che, secondo alcuni avrebbe illuso gli sfollati con false promesse.

“Hai illuso gli sfollati. Li hai privati di un pasto caldo nonostante le feste natalizie.”, scrive una persona sulla bacheca di Aurelio Russo che risponde: “Io sono il sindaco non un parafulmine”

 

 

 

Leggi anche