San Paolo, con l’Universiade tra gli stadi più moderni d’Italia

Universiade-San Paolo

San Paolo, con l’Universiade tra gli stadi più moderni d’Italia. La struttura si dota di due maxi schermi, ognuno di 120 mq. Effettuate le prove dei due video wall

Con il montaggio dei due video wall, la sostituzione di tutti i sediolini, il rinnovato impianto audio e luci, nonché la nuova la pista d’atletica e i nuovi spogliatoi, l’impianto di Fuorigrotta si pone all’avanguardia, tra gli stadi più moderni e funzionali d’Italia.

Lo stadio San Paolo di Napoli, a 60 anni dall’inaugurazione nel 1959, si dota di due maxi schermi, forniti dalla società Microplus Srl, ognuno da 120 mq, istallati in occasione dell’Universiade grazie al finanziamento della Regione Campania.

Nel pomeriggio di venerdì sul video wall posizionato sulla Tribuna Nisida i tecnici della Universiadesocietà Deltronics hanno effettuato i test di accensione, configurazione e calibratura. Nei prossimi giorni verrà acceso anche il secondo maxi schermo istallato nella zona Distinti. Su entrambi i monitor il prossimo 3 luglio verrà proiettata la cerimonia d’apertura dell’Universiade e poi dall’8 al 13 luglio le gare di Atletica.

I maxi schermi rimarranno nella disponibilità dello stadio anche per le partite del Calcio Napoli a partire dal prossimo Campionato. Soddisfatto il Commissario Straordinario di Napoli 2019, Gianluca Basile, che ha voluto ringraziare i tecnici dell’ARU Salvatore Ferrandino, che ha curato la parte tecnologica dell’istallazione, e Filomena Smiraglia, l’architetto responsabile dei lavori al San Paolo.

Lo Stadio

55.000 posti a sedere, pista di atletica con 8 corsie e diametro del campo di 110 x 68 mt.
Inaugurato il 6 dicembre 1959, l’ultima ristrutturazione è avvenuta nel 1990.
Nel corso dell’estate 2010 la società di calcio e il comune napoletano hanno proceduto, dopo 23 anni, a un’ampia opera di restyling del San Paolo,  che ha visto, tra gli altri interventi, il rifacimento del manto erboso.

Nell’estate 2011 lo stadio è stato ulteriormente adeguato alle norme richieste dell’UEFA per la partecipazione alle coppe europee.

Seguici qui