San Giuliano Martire: oggi le celebrazioni a Giugliano per il patrono

san-giuliano

Oggi è san Giuliano patrono di Giugliano, città Metropolitana di Napoli. Il paese in festa ricorda il martire cristiano ma conosciamolo meglio

A Giugliano oggi si festeggia San Giuliano, martire cristiano morto nel 161 D.C.

Celebrazione della santa messa dalle 18 e festa in centro per celebrare il patrono ma conosciamo meglio la storia di Giuliano di Sora.

San Giuliano di Sora era un giovane dalmata (alcuni testi parlano di un soldato), venuto in Italia per diffondere il verbo di Cristo.

In un’epoca in cui vigeva ancora il paganesimo lui, come molti altri predicatori, fu perseguitato dai fari governatori di Roma (in quegli anni c’era Antonino Pio).

Una volta giunto a Sora fu catturato e arrestato dal governatore Flaviano che lo fece rinchiudere in una prigione senza cibo e acqua, nella speranza che potesse “redimersi” al paganesimo o magari morire.

Non avendo raggiunto il risultato sperato Flaviano lo fece torturare ma durante la tortura ci fu un misterioso crollo del tempio di Serapide.

A questo punto, accusato di stregoneria, il governatore decreta la condanna a morte per decapitazione.

Giuliano fu ucciso proprio davanti il tempio crollato il 27 Gennaio 161.

Curiosità e tradizione

C’è un’usanza culinaria a Giugliano in onore del Martire Patrono: nel giorno in cui si festeggia San Giuliano si servono a tavola le polpette.

Tradizione come da detto giuglianese: San Giuliano ‘e purpett ‘dint ‘o tan.

Leggi anche: Politano arriva a Villa Stuart