Roghi tossici ad Acerra, la protesta dei cittadini



roghi tossici acerra la protesta

Terra dei Fuochi, i cittadini di Acerra protestano contro i roghi tossici. Si apre il procedimento nei confronti del Consorzio di Bonifica

Continuano le proteste da parte dei cittadini acerrani contro i roghi tossici che sempre più spesso si verificano nella zona dei Regi Lagni ad Acerra.

Ieri pomeriggio la popolazione è scesa in strada sul corso principale di Acerra, il corso Italia, creando non pochi problemi alla viabilità, proprio per protestare e far sentire la propria voce direttamente alle istituzioni.

Il Comune, intanto, ha avviato un procedimento amministrativo contro il Consorzio generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno per il ripristino dello stato dei luoghi in località Marchesa, in seguito ad un vasto incendio che nei giorni scorsi ha spinto gli amministratori locali, guidati dal sindaco Lettieri, a chiedere un sopralluogo dell’Arpac.

Gli amministratori locali fanno sapere che il Comune ha avviato il procedimento per la mancanza di vigilanza da parte del Bacino stesso e alla conseguente situazione di abbandono per il rinvenimento di rifiuti trovati e la crescita di vegetazione.

Intanto il Comune, a seguito degli incendi di questi giorni, ha avviato un intervento di pulizia radicale di rifiuti e sterpaglie in diverse zone, proprio per contrastare il fenomeno dei roghi.

Diverse le forze in azione da questa mattina per effettuare l’intervento di pulizia al quale hanno assistito anche il presidente ragionale di Legambiente e il primo cittadino Lettieri. Quest’ultimo ha sottolineato che: “la pulizia dell’area serve a rimuovere ogni possibile causa di incendio o rogo tossico -ha concluso dicendo- pretendiamo dai vertici regionali che si realizzino le bonifiche sul territorio. Alla stessa regione abbiamo ripetuto che siamo assolutamente contrari all’ipotesi di realizzazione della quarta linea dell’inceneritore e che non consetiremo mai una cosa del genere”.

 

Leggi anche