17 Dicembre 2022

Pozzuoli, minacce a un titolare di pompe funebri da clan della camorra

Il titolare di un'agenzia di pompe funebri ha ricevuto minacce da un clan di camorra, che gli ha chiesto ben 10.000 euro

pozzuoli

Ancora minacce da parte di clan camorristici. Questa volta, la vittima è un titolare di un’agenzia di pompe funebri di Pozzuoli, in provincia di Napoli. Le minacce sono iniziate tempo fa, quando alcuni membri del clan hanno appiccato un incendio all’ingresso dello stesso. Dopo l’incendio, i membri del clan hanno richiesto ben 10.000 euro al titolare dell’azienda.

Come specifica l’Agenzia ANSA, il clan in particolare sarebbe quello dei Longobardi-Beneduce. I militari hanno applicato la misura cautelare dell’arresto nei confronti di due persone. Questi due sarebbero fortemente indiziati per il reato di tentata estorsione nei confronti dell’uomo, ulteriormente aggravata dal metodo mafioso e dal fine di agevolare l’attività del clan. Sono questi i reati dei quali sarebbero accusati i due potenziali colpevoli di aver appiccato l’incendio e di aver minacciato continuamente lìuomo

Secondo il risultato delle indagini dei Carabinieri, infatti, queste due persone avrebbero minacciato e intimidato in maniera a dir poco incessante il titolare dell’impresa funebre di Pozzuoli. Dopo la scoperta hanno, pertanto, proceduto con l’applicazione delle misure cautelari. Attendiamo adesso ulteriori aggiornamenti sul caso e sul processo che verrà aperto nei confronti degli indiziati.

Fonte foto: Simoneconcorsi.it

Leggi anche: Sequestrati accessori ispirati a Maradona: erano venduti davanti al murales.