Portici, prima unione civile nella storia del Comune

Portici, Angela e Maria Cristina scelgono il 9 maggio per unirsi civilmente. Angela Cortese celebrerà l’unione

Portici 9 maggio presso Villa Savonarola, questa la data e la location scelta da Angela e Maria Cristina per la loro unione civile. Una data che le pone in cima alla lista di coppie gay che, in provincia di Napoli, hanno deciso di compiere questo importante passo. La prima coppia a Portici.

Loro sono Angela e Maria Cristina, una titolare della libreria editrice “VOCALI” di Portici, l’altra insegnante.

Si sono conosciute quasi 20 anni fa a Napoli, casualmente, entrambi sensibili e attente ai bambini in difficoltà e che soffrono. Hanno deciso di destinare parte dei proventi del libro “Universi di versi diversi”, edito e scritto da loro stesse, ad un’Associazione Oncologica pediatrica.

In una breve intervista abbiamo incontrato Angela e Cristina per conoscerle meglio:portici

Angela e Maria Cristina, chi sono?        

Angela è una donna che da oltre 20 anni ama Maria Cristina e che dopo solo un mese dal loro incontro sognava di sposarla e trascorrere la vita al suo fianco. Maria Cristina è una donna che dal giorno, o meglio, dalla sera del loro incontro, si è innamorata di Angela e ha trascorso gli ultimi 20 anni ad amarla.  

Cosa fate nella vita? 

Io, Angela, napoletana, ho una formazione professionale nel settore turistico-alberghiero, nel quale ho ricoperto tutte le mansioni (dalla cameriera ai piani al direttore, al maitre, al sommelier … ), dormivo con la valigia fatta ai piedi del letto pronta a partire in qualunque momento, dopo anni di girovagare da un posto all’altro per lavoro decido di appendere lo zaino al chiodo e nel 2006 mi reinvento libraia per amore e per volontà del Fato, rilevando una piccola libreria indipendente fallita a Portici e riportandola con tenacia e dedizione allo splendore che meritava nonostante le mille difficoltà contro le quali tenacemente lotto ancora oggi. Nel 2014 decido di fondare una piccola casa editrice, Vocali.

Io, Maria Cristina, sono insegnante di Scuola Primaria per volontà del Fato, nonostante abbia una formazione classica; poeta e scrittrice per vocazione, da sempre racconta storie.

Ho scritto romanzi, libri di poesie, racconti e sceneggiature teatrali; recentemente ho pubblicato un libro di filastrocche e storie in versi “Universi di versi diversi”- Vocali – che si rivolge prevalentemente ai bambini, ma che all’occhio attento di una lettura adulta, rivela contenuti impegnati e riflessioni acute.

Parte dei proventi del libro, i miei di autrice e quelli di Angela, mia editrice, andranno a Open onlus, Associazione Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma, da anni al fianco dei bambini colpiti da questa tremenda neoplasia e delle loro famiglie. 

Angela e Maria Cristina quando e come vi siete conosciute?

Una domenica sera, il 24 novembre 1996, in una birreria di Napoli, incontro del tutto casuale…entrambe eravamo lì con amici propri ed entrambe non avevamo alcuna voglia di uscire. Il caso, appunto, vuole che ci sediamo allo stesso tavolo: l’incontro dei nostri occhi è stato fulmineo e da quel momento e per tutta la notte abbiamo fatto in modo di “perdere tempo” per “guadagnare” più tempo per stare insieme … per raccontarci … e nel raccontarci … abbiamo avuto voglia di baciarci. 

Come nasce l’idea della libreria?

Anche qui il Fato…

Io, Cristina nel 2004 entro in libreria per comprare un regalino alla mia nipotina e per caso … l’allora titolare mi comunica che avrebbe di lì a poco chiuso. Comunicarlo ad Angela, proporle di buttarsi in quell’avventura, accompagnarla lì e sognare già cosa sarebbe potuto diventare quel luogo fu tutt’uno! La vocazione di “nutrire” corpi si trasforma nella realtà che è oggi la libreria Vocali a Portici, quella di nutrire anime.

 La vostra unione fino ad oggi era conosciuta?

Non abbiamo mai ostentato il nostro rapporto, ma non ci siamo neanche mai nascoste… la nostra unione a Portici è “un dato di fatto”, una cosa nota e “tacitamente” condivisa e approvata, da tutti quelli che ci “guardano”… guardarci negli occhi.

Cosa diversa è forse per me, Cristina, e per i genitori dei miei alunni: ma ritengo che non sia mai stato un problema o se lo è stato non lo hanno ami manifestato, non mi hanno mai fatto domande personali alle quali avrei risposto, nell’unico modo che conosco, cioè la verità. 

Ci sono o ci sono stati problemi con la città in merito al vostro rapporto?

Entrambe abbiamo un’attività che definire “sociale” è riduttivo: Angela sempre a contatto con la gente in libreria, e Maria Cristina ha a che fare ogni giorno con bambini e soprattutto genitori… ma mai abbiamo avuto problemi relazionali, né in passato, né ora che la nostra unione è pubblica e istituzionalizzata. 

Chi celebrerà l’unione?

Angela Cortese, attualmente coordinatrice del gruppo di lavoro Industria culturale e creativa in Regione Campania, già consigliere regionale, e da sempre accanto a noi nelle tappe importanti della nostra vita. Angela ha tenuto a battesimo la casa editrice ed è stata sempre presente tutte le volte che è uscito un libro scritto da me, Cristina ed edito da Angela.