Pompei è il secondo sito archeologico più visitato d’Italia

pompei

Secondo solo al Colosseo, Pompei si aggiundica il podio tra i siti più visitati del Paese. Seguono gli Uffizi di Firenze

Il Mibac presenta il resonto dell’anno solare 2018. I Musei e siti archeologici nazionali hanno vissuto una vera e propria riscoperta. Nel 2018, infatti, oltre 55 milioni di persone hanno visitato musei e monumenti italiani, facendo registrare un aumento superiore ai 5 milioni rispetto al 2017. Nello specifico, il Mibac riporta l’elenco dei luoghi  maggiormente preferiti dal pubblico. In riferimento ai singoli ingressi, il sito statale più visitato resta l’area Colosseo – Foro Romano – Palatino, seguita da Pompei e dagli Uffizi di Firenze. In particolare l’area archeologica di Pompei aumenta il numero di visitatori del 7,78% passando dai 3.383.415 ingressi del 2017 ai 3.646.585 del 2018.

Tra i 30 siti più visitati nel 2018 il maggior incremento è stato registrato dai Musei reali di Torino (+27,82), seguiti da Palazzo Pitti a Firenze (+24,23%) e dalle Grotte di Catullo e il Museo archeologico di Sirmione (+18,83%).

Il Mibac riferisce, oltretutto, che gli incassi lordi totali sono cresciuti di 35,4 milioni, passando dai 193.915.765 euro del 2017 ai 229.360.234 euro del 2018.

Si auspica, allora, un 2019 altrettanto ricco di visitatori!

Articolo precedenteLuigi Esposito, il fioraio che regala libri ai passanti
Prossimo articoloNapoli-Torino: le pagelle del posticipo
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.