Parco della Marinella, sgomberati 40 migranti

Parco

Parco della Marinella, per la riqualificazione del territorio fatti sgomberare 40 migranti

L’emergenza migranti è diventata ormai una realtà effettiva, che lascia molte città dell’Italia in una situazione di impotenza, simile a quella che ha dovuto affrontare Napoli in questi ultimi giorni.

La nuova vicenda è avvenuta al Parco della Marinella.

Già nei primi giorni del mese di Gennaio, si parlava della stipula di un contratto d’appalto per la progettazione e la realizzazione di un vero e proprio parco urbano di circa 30.000.

Si proponeva anche di essere un parco giochi inclusivo al fine di ospitare tutti i bambini, per favorire il gioco e l’interazione tra loro. Ciò implicava dunque una riqualificazione dell’intero terreno.

Tuttavia, fino a questa mattina, l’intero spazio era occupato da un gruppo di migranti che ormai vi “soggiornavano” da tempo. Non avevano costruito una vera baraccopoli, ma la presenza di numerosi materassi e tende improvvisate rappresentavano per loro una sorta di rifugio.

Le operazioni sono iniziate esattamente questa mattina alle 8.00.

Carabinieri, polizia, guardie di finanzia, vigili urbani e alcuni addetti dell’Asia, hanno operato per liberare l’intero spazio.

Con loro anche alcuni assistenti sociali, giunti al fine di prevenire un’ipotetica protesta e per tranquillizzare le acque.

Il Parco è stato trovato in condizioni igienico-sanitarie davvero pessime.

Dopo alcune deboli proteste, durante alcuni migranti hanno cercato di spiegare alle autorità presenti la loro critica situazione, lamentando l’assenza di lavoro e la possibilità di avere una dimora effettiva, hanno dovuto raccogliere le loro cose e andarsene.

Circa 40 migranti hanno dovuto sgomberare l’area in questione, per loro attualmente non vi sono altre sistemazioni alternative.