Panificio sequestrato a Napoli: pessime condizioni igieniche

panificio

La Guardia di Finanza sequestra un panificio a Via Foria, a Napoli: oltre al locale, sequestrati pane, pizze e impasti destinati alla distribuzione.

La scoperta del panificio anti-igienico ha una vicenda casuale. Gli agenti della sezione Nibbio dell’Upg di Napoli, durante un posto di blocco venerdì sera, hanno imposto l’alt al conducente di uno scooter che sfrecciava a piazza Cavour trasportando grandi quantità di pane non confezionato. Il conducente, anziché rispettare il fermo, accelera, costringendo le forze dell’ordine ad iniziare un inseguimento terminato nei pressi del panificio dove si sono perse le tracce dello scooter. Tre giorni dopo, proprio nei pressi dello stesso luogo, gli agenti hanno notato l’uomo costatando che egli lavorava lì, come addetto alle consegne. 

Entrati nel locale, i poliziotti hanno osservato le condizioni igieniche nel quale si trovava l’esercizio commerciale e, di conseguenza, informato la Guardia di Finanza e il personale dell’ Asl Napoli 1. Quest’ultimi hanno sequestrato  3 quintali circa di pane già sfornato50 quintali circa di impasto lievitato, tutto pronto per la distribuzione a ristoranti e bar: la merce, senza essere imbustata, veniva poggiata a terra in ceste di plastica. La struttura, inoltre, era carente non solo dal punto di vista igienico: i pannelli di isolamento del soffitto erano fatiscenti e con infiltrazioni d’acqua.

Al titolare del panificio spetta una multa di 25.000€.