20 Aprile 2021

Omicidio Maurizio Cerrato, la tragica ricostruzione di quei drammatici istanti

omicidio maurizio cerrato

Omicidio Maurizio Cerrato a Torre Annunziata, la ricostruzione di quei drammatici istanti: “Ora portalo in ospedale”, le parole del presunto killer

Omicidio Maurizio Cerrato – Il 61enne Maurizio Cerrato è stato brutalmente assassinato ieri sera a Torre Annunziata.

Stando alle prime ricostruzioni, l’uomo si era recato in via IV Novembre per acquistare del cibo da asporto in compagnia della figlia, rimasta ad attenderlo in macchina.

Pare che la controversia sfociata poi in delitto sia sorta a seguito dell’occupazione, da parte della vettura del 61enne, di un posto auto, rivendicato dal presunto killer.

Questi avrebbe cominciato ad inveire contro la ragazza, in soccorso della quale sarebbe giunto il padre, che avrebbe pagato con la vita il tentativo di difendere la figlia.

Maria Adriana Cerrato, figlia di Maurizio, ha divulgato via Facebook alcune precisazioni in merito al tragico evento che l’ha colpita, suo malgrado:

”Ci tengo a precisare che non è corretto dire che mio padre è morto in una lite. Mio padre è morto in un agguato in piena regola, solo per difendere me, che ero la luce dei suoi occhi. Lo hanno pugnalato e con questa gente non aveva mai avuto a che fare”.

Intervistata dai colleghi di Fanpage.it, la giovane donna ha dichiarato:

Mi ha dovuto difendere perché mi è stato fatto un dispetto: mi è stata bucata una ruota dell’auto, ed io non me la sono tenuta perché non trovavo giusta questa cosa. Ho preso la sedia che loro avevano collocato al posto e l’ho spostata e loro mi hanno fatto trovare la ruota bucata, squarciata. Dopo, quella sedia gliel’ho messa sopra la loro macchina.

Così, loro hanno iniziato ad aggredirmi in un garage dieci metri più avanti , dove avevo fermato la macchina e dove mio padre mi aveva cambiato la ruota, dopodiché sono venute due persone che hanno aggredito me e mio padre. Quando la situazione sembrava quasi essersi placata, uno dei due ha chiamato altre persone, gli hanno teso un agguato, l’hanno accoltellato davanti a me.
Ho fatto una corsa disperata in ospedale, ma era già morto. Ho sempre saputo chi fosse mio padre. E se si è fatto ammazzare è stato solo per difendere me”.

Queste le drammatiche parole di Maria Adriana, che ha perso il padre, che ha perso la vita davanti ai suoi occhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.