Napoli: nuovo blitz del gruppo gli “incappucciati”

Napoli
Si ringrazia il blog: "Il linguaggio del corpo"

Napoli: nuovo blitz del gruppo degli “incappucciati” nell’istituto superiore Enrico De Nicola; i carabinieri indagano sul caso

Napoli, l’istituto professionale statale Enrico De Nicola è stato, di nuovo, bersaglio di vandalismo e razzie del gruppo degli “incappucciati”.

La notizia, riportata dal quotidiano Il Mattino e dal blog 2anews.it; risale a questa mattina.

Un gruppo di 10 ragazzi si è infiltrato nella struttura scolastica del Vomero mescolandosi con le varie scolaresche.

Arrivati nelle varie classi, i ragazzi hanno indossato il capuccio della propria felpa e; per diventare irriconoscibili, hanno uscato sciarpe e occhiali da sole.

Successivamente hanno creato scompiglio, obbligando con minaccie i ragazzi del primo anno a lasciare l’edificio.

Il preside Stefano Zen ha deciso di chiamare la polizia d.i.g.o.s per liberare la scuola. All’arrivo delle forze dell’ordine, gli “incappucciati” sono fuggiti lasciando dietro di sè condutture idriche spaccate e servizi igienici fuori uso.

Il preside ha deciso che domani gli studenti entreranno due ore dopo affinchè l’edificio risulti agibile.

E’ la seconda volta in una settimana che si ripete questa situazione.

Stando alle parole del rettore, riportate dalla “Voce di Napoli”,  il motivo è dovuto al fatto che da quattro anni “Non si organizzava un’occupazione da [..]. E se così fosse non ne comprenderei i motivi, poiché con gli studenti abbiamo avviato da anni un dialogo costruttivo e collaborativo“.

Invece sul quotidiano il Mattino il preside Zen ha precisato che:

Nessuno dei docenti, me compreso ha subito atti di intimidazione. Né tra gli studenti c’è chi ha parlato di occupazione”.