Icardi e il Napoli: Maurito, a che gioco stai giocando?

Icardi

Icardi e la telenovela Napoli-Inter. Prima i nerazzurri erigono un muro invalicabile, poi pensano alla cessione. Ma qual è la volontà reale del giocatore?

23 luglio: è Maurito Icardi la prima scelta di mister Sarri per sostituire Gonzalo Higuain. 23 anni, nazionalità argentina, già capocannoniere la scorsa stagione insieme a Luca Toni. Classe, tecnica, senso del gol: Maurizio Sarri lo vuole a tutti i costi, al punto da convincere il patron Aurelio De Laurentiis ad alzare l’asticella dell’offerta sino a 70 milioni.

La dirigenza nerazzurra, che in un primo momento si era detta indisponibile a una cessione del suo bomber, sembrava aver dato segnali di apertura sulla base di almeno  60 milioni di euro. Wanda Nara e ADL si erano intanto già accordati sulla base di 6.5 milioni a stagione, con l’Inter alla finestra dinanzi a proposte di contratto così faraoniche.

Poi il dietrofront. Prima quello di Maurito Icardi e sua moglie Wanda, con tweet d’amore verso il club nerazzurro, poi quello della società, che avrebbe fatto sapere al presidente partenopeo di non volere trattare la cessione dell’argentino con una diretta concorrente alla Champions. Eppure, ad oggi, pare che il giovane argentino sia tuttora interessato al progetto azzurro: la piazza partenopea sarebbe maggiormente gradita rispetto a quella inglese dell’Arsenal, per lo stile di gioco partenopeo e la stima nei confronti di mister Sarri.

Interessamento, stima, ambizione spingerebbero Mauro Icardi verso un suo trasferimento all’ombra del Vesuvio. Tweet a San Siro e dediche d’amore con tanto di fascia di capitano, lascerebbero presagire il contrario.

E tu, Maurito, a che gioco stai giocando?