“I Napoletani devono bruciare”: nuovo caso di discriminazione da parte di una ditta



Discriminazione
Fonte foto: Cronache della Campania

Discriminazione contro i Napoletani; un ditta metalmeccanica a Pomigliano d’Arco espone un cartello pubblicitario offensivo

Discriminazione contro i Napoletani da parte di una ditta, la Tiberina, situata nello stabilimento FCA di Pomigliano d’Arco.

I primi a dare la notizia sono i nostri colleghi dei giornali locali Vesuvio.LIVE e Journo.it; che descrivono la situazione in modo approfondito.

Tutto è cominciato con la seguente frase scritta sul display dell’azienda:

«Bisogna bruciare tutto: Napoli, tutti i napoletani e i loro rifiuti anche perché i napoletani sono un rifiuto».

La frase choc sarebbe stata ideata dal proprietario della Tiberina; l’imprenditore Dario Liccardo, nato a Napoli ma cresciuto a Latina.

La scritta ha dato origine a diverse polemiche e controversie tra i suoi stessi dipendenti.

Il blog Juorno.it ha riportato la seguente risposta del direttore della ditta.

“C’è stata una cattiva interpretazione. Io sotto il post ho anche scritto che dobbiamo reagire a questi giudizi con comportamenti adeguati. Io non sono razzista, sono napoletano, ci mancherebbe”

Infatti, il direttore ha affermato di non essere mai stato razzista; che avrebbe usato toni sarcastici per “spronare” i suoi operai a essere più attivi, ordinati e competititvi.

In risposta a Liccardo, è arrivata la Fiom; la quale ha denunciato non solo la frase razzista ma anche le condizioni degli operai disposti a lavorare senza aria condizionata nonostante l’ondata di caldo di questi giorni.

I sindacati hanno anche chiesto il licenziamento dello stesso diretto direttore definito incompetente; così hanno sospeso le attività lavorative.

Discriminazione
fonte foto: pagina Facebook Tiberina

Leggi anche