Giovanni Nappi fa conoscere Casalnuovo all’Italia

Una città che scrive

Festa nazionale de L’Unità, Giovanni Nappi porterà  ‘Una città che scrive’ per evidenziare la forza della scrittura come riscatto individuale e sociale

NAPOLI, CASALNUOVO, 20 AGOSTO – Casalnuovo è pronta per spiccare il volo e il pilota di questo continuo viaggio è ancora Giovanni Nappi, presidente del Consiglio Comunale. Quest’anno la città e il suo premio letterario ‘Una città che scrive‘ saranno ospitati alla Festa Nazionale de L’Unità 2017 . L’appuntamento è dal 9 al 24 settembre ad Imola.

 

La festa nazionale del Pd vedrà, quest’anno ad Imola, anche un po’ di made in Campania, mostrando una Casalnuovo inedita, innovativa e brillante.

Il premio letterario ideato da Nappi, nasce da un’esperienza del tutto campana e da un’esigenza specifica, alla quale il Presidente tiene molto e che, in questi mesi, ha già dato molti riscontri positivi e soddisfazioni:  la forza della scrittura come riscatto individuale e sociale.

 

” Ringrazio il Partito Democratico e la Prof. Patrizia Torricelli, nominata da Matteo Renzi responsabile Dipartimento Editoria del Pd Nazionale, per aver deciso di valorizzare la nostra iniziativa a livello nazionale; l’idea di utilizzare la scrittura a vantaggio dell’immagine di una Comunità, e come strumento di riscatto, è piaciuta. Dunque, una straordinaria opportunità per la mia Città, Casalnuovo di Napoli. Per me, invece, tanta emozione, soddisfazione e, da oggi, forse un pizzico di responsabilità in più “.

Queste, le parole di Giovanni Nappi che, intercettato a Rimini, si dice pienamente emozionato per il traguardo raggiunto, insospettabile all’inizio del progetto.

giovanni nappi
Giovanni Nappi alla prima edizione di ‘Una città che scrive’

‘Una città che scrive’ nasce dall’idea di racchiudere in una raccolta i testi di soli autori casalnuovesi; nel tempo, l’investimento culturale è cresciuto in modo esponenziale, tanto da superare anche i confini nazionalI. L’antologia di Casalnuovo è diventata un vero e proprio Premio Letterario che, accompagnato dal patrocinato dalla Regione Campania, dalla Regione Marche e dal Parlamento Europeo, e con il logo Matera Capitale Europea della Cultura 2019, alla sua prima edizione quest’anno, ha visto la presenza massiccia di ben 1700 partecipanti.

All’interno dell’opera è stata istituita una sezione per le zone terremotate delle Marche, una menzione per i detenuti nei carceri napoletani e una sezione Scuola, la quale ha visto vincitore un ragazzo dislessico di Milano.

Al Premio Letterario, ovviamente, è stata legata la seconda antologia omonima. Si tratta di una raccolta di racconti brevi e poesie, scelti tra i testi che hanno partecipato al concorso. La prefazione nella prima antologia, che ha aperto le porte verso l’esperienza del Premio, portava la firma dell’on. Gianni Pittella, presidente del gruppo Socialisti & Democratici al Parlamento Europeo.

Quest’anno, invece, per la prefazione, è il turno di un altro personaggio di spessore culturale notevole, il prof. Arturo De Vivo, prorettore dell’Universita’ degli studi di Napoli Federico II.

L’appuntamento è fissato per Venerdì 15 settembre ore 21, Imola (BO) presso il Parco Lungofiume, e il titolo dell’iniziativa alla Festa de L’Unita sarà “Individuo e società. La forza della scrittura come riscatto individuale e sociale”.

Giovanni Nappi,  insieme a Samuele Ciambriello, giornalista e docente universitario, porterà un po’ della sua Casalnuovo e un po’ di Campania, verso latitudini geografiche e intellettuali più alte.