Giocattolo sospeso,l’iniziativa solidale di Napoli per bimbi meno fortunati

giocattolo sospeso
Per l'immagine si ringrazia il Comune di Napoli

Giocattolo sospeso, presentata presso Palazzo San Giacomo la lodevole iniziativa del Comune di Napoli, per regalare il Natale ai bimbi meno fortunati

Giocattolo sospeso – Arriva l’ennesima iniziativa del Comune di Napoli, all’insegna della solidarietà e della condivisione.

I partenopei si distinguono da sempre per capacità di solidalizzare con chi dalla vita non ha ricevuto tanto.

Ed il Natale, festa che – per eccellenza – premia i valori di condivisione e solidarietà, rappresenta l’occasione adatta per confermare lo spirito di empatia, da sempre caro agli abitanti del capoluogo campano.

“Giocattolo sospeso” è stata presentata stamane nella splendida cornice di Palazzo San Giacomo.

Il nome è evocativo.

Rimanda, infatti, alla tradizionale usanza partenopea del “caffè sospeso”, per la quale gli avventori dei bar lasciano pagati caffè in più per chi non possa permetterseli.

Attraverso questa iniziativa, sarà possibile, a quanti lo desidereranno, acquistare libri per l’infanzia e giocattoli nei negozi aderenti, da destinare ai bambini meno fortunati.

La maratona di solidarietà si apre oggi e durerà lungo tutto l’arco delle festività natalizie, per chiudersi il prossimo 6 gennaio.

In questo modo, sarà possibile regalare il Natale anche a quei bambini che, altrimenti, non avrebbero ricevuto alcun dono sotto l’albero.

Si tratta della seconda edizione della dolcissima iniziativa, confermata dal Comune dopo l’incredibile successo della prima.

Sul sito del Comune, si leggono le poche e semplici regole per poter usufruire del dono:

Le regole per partecipare sono le seguenti: l’acquirente ritirerà lo scontrino fiscale emesso al momento dell’acquisto e il negoziante prenderà nota, in un apposito registro, del nominativo del donatore, della data di acquisto, del numero seriale dello scontrino e del modello di giocattolo prescelto.

Le persone che lo richiederanno potranno ritirare il dono consegnando copia del proprio documento d’identità in corso di validità al negoziante, che rilascerà uno scontrino fiscale con importo pari a zero o ricevuta fiscale recante la dicitura “corrispettivo non pagato” e conserverà le copie dei documenti di identità di coloro che beneficiano del dono, per un successivo riscontro“.

Dunque, che aspettate?

Non resta che recarsi presso il rivenditore aderente più vicino per regalare uno splendido Natale a chi non avrebbe la fortuna di viverlo adeguatamente!

Per restare aggiornato su tutte le novità riguardanti la tua città, clicca qui.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook.