26 Marzo 2021

Genitori in piazza contro la Dad: manifestazione in piazza Dante

scuole dad

Alle ore 10 di questa mattina alcuni comitati, docenti e genitori scenderanno in piazza Dante a Napoli per manifestare contro la Dad

NAPOLI – La riapertura delle scuole in sicurezza è forse uno dei punti più dibattuti durante questa pandemia da Coronavirus. Per questo motivo oggi, 26 marzo, in molti, tra comitati, docenti e genitori, scenderanno questa mattina alle ore 10 in piazza Dante per protestare contro la Dad, la Didattica a distanza. La manifestazione si terrà nelle maggiori città di tutta Italia (60 le città coinvolte) e avrà come finalità quella di chiedere al Governo di valutare la riapertura degli istituti scolastici e il ritorno degli studenti nelle aule.

La protesta è stata indetta dall’associazione Priorità alla Scuola. In particolare, il coordinamento della Campania a proposito della manifestazione fa sapere che: “A Napoli saremo in piazza per chiedere la riapertura delle scuole, per chiedere che vengano messe in campo immediatamente tutte quelle misure che fino ad ora sono state solo millantate:

perché in Campania soprattutto sono state chiuse troppo a lungo e senza nel frattempo attivare alcun intervento sostanziale per tutelare davvero la salute pubblica e il diritto all’istruzione; perché sono chiuse di nuovo in quasi tutta Italia mentre le principali attività economiche e produttive sono aperte; perché da un anno la chiusura della scuola è una scelta politica facile e senza costi per lo Stato, che li scarica tutti su genitori e giovani alle prese con crescenti problemi di ritardi nella formazione e di disagio psicofisico;

perché si è preferito mimare la normalità e invece è ora di smetterla di rubare il tempo – il loro presente e il loro futuro – alle e ai minorenni che vivono in Italia. Saremo in piazza per dire che dopo un anno di tempo perso e retorica è tardi!“.

Fonte: Fanpage.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie seguici sulla nostra pagina Facebook Napoli ZON.

Potrebbe interessarti anche: “Campania arancione (forse) – ecco la situazione anche delle altre regioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.