1 Luglio 2022

Furto in casa: chiamano i Carabinieri ma dimenticano la droga sul balcone

neurologo droga

Furto in casa: chiamano i Carabinieri ma dimenticano di avere la droga sul balcone. E’ accaduto nella zona vesuviana

FURTO IN CASA- I Carabinieri della sezione radiomobile di Torre del Greco e di Ercolano, si sono trovati a fronteggiare una serata ricca e movimentata.

La prima chiamata ricevuta diceva: “Correte, ci sono alcune persone in un’abitazione in via Patacca. Stanno rubando”. Dopo pochi minuti, i Carabinieri sono arrivati nell’abitazione, ma ormai non c’era più traccia dei ladri. I militari, mentre ispezionavano la casa, hanno notato sul balcone piante di cannabis.

Essendo accaduto tutto in fretta, i proprietari, non avevano fatto in tempo a nascondere la droga che era in casa. Il tutto è stato trovato mentre i Carabinieri stavano facendo un controllo generale della casa. Oltre a queste piantine di cannabis, secondo quanto riportato da Napolitoday, sono stati ritrovati 12 grammi e mezzo di hashish, un bilancino di precisione, e 1700 euro in banconote.

I proprietari dell’abitazione, un padre e un figlio, sono stati denunciati per detenzione di droga a fini di spaccio. Ma non è finita qui l’avventura nelle zone del Vesuviano. I Carabinieri hanno ricevuto una seconda telefonata.

Questa volta, a chiamare le forze dell’ordine, è stato il padre di un ragazzo di 25 anni. Aveva infatti trovato nella sua stanza mezzo chilo di marijuana, e, dopo aver discusso col figlio, aveva deciso di avvisare i Carabinieri.

Gli agenti hanno sequestrato la droga e nei mobili della sua stanza hanno trovato, dopo una perquisizione, materiale per il confezionamento delle dosi, due proiettili calibro 38 e un proiettile di piccolo calibro. Il giovane è stato denunciato.

Ti potrebbe anche interessare l’articolo: Ruba rolex ad un turista inglese: arrestato, ora si cercano i complici

Seguici anche sulla nostra pagina facebook e resta sempre aggiornato con ogni notizia di cronaca, attualità, sport, cultura, eventi, politica, coronavirus, università e tanto altro ancora: clicca qui e lascia un mi piace.