Funerali per la piccola Tonia, l’ultima vittima della “Terra dei fuochi”



Piccola Tonia

Melito, una folla di centinaia di persone riunita per l’ultimo saluto alla piccola Tonia, la bambina di 4 anni stroncata dalla leucemia

Bolle di sapone e palloncini per salutare la piccola Tonia, la bimba uccisa dalla leucemia. La bambina rappresenta la felicità dei palloncini liberati in cielo e la fragilità delle bolle di sapone soffiate nell’aria. La vita è come queste bolle, basta un po’ di vento per farla scoppiare. Un modo significativo di dare l’ultimo saluto ad una povera bambina di 4 anni, stroncata da una malattia che vede responsabile la mano dell’ uomo.

La “Terra dei Fuochi”, ha causato un’altra vittima. E’ stato il vento che ha spezzato la bolla della sua fragile esigenza.

Oggi nella chiesa di Chiesa Santa Maria delle Grazie in piazza Santo Stefano a Melito, centinaia di persone si sono riunite per dare l’ultimo saluto alla piccola Tonia. L’annuncio della sua morte era stato lanciato dalla famiglia attraverso la pagina Facebook “Angeli guerrieri della terra dei fuochi“, un’associazione di cui fa parte la mamma di Tonia e che combatte le ingiustizie causate dalla mafia e dall’amministrazione incapace di trovare una soluzione:

Dolce Angelo sei ritornata lassù, in un mondo dove la sofferenza e malattia non esistono e da lassù veglierai per sempre sul tuo papà e la tua mamma e soprattutto sulle tue sorelline. Vola angelo bello, lontana da tutte le brutture di questo mondo che non ti ha riservato altro che cose cattive. Ciao dolce Angelo

Questo il saluto lanciato su Facebook dalla famiglia, straziata e inerme per la sorte capitata alla loro piccola bambina.

Leggi anche