Flash Mob per combattere maltrattamenti e violenza sulle donne

antiviolenza

Flash Mob Venerdì 16 a Portici per combattere i maltrattamenti di genere e presentare il Centro Antiviolenza Donne presente sul territorio

Di primaria importanza il problema dei maltrattamenti di genere. La violenza sulle donne è uno dei problemi più importanti da affrontare a livello mondiale.

Molte le iniziative, le associazioni e le Istituzioni che si mobilitano contro la violenza sulle donne.

A Portici l’Amministrazione, l’Assessorato alle Pari Opportunità e alcune Associazioni del territorio da tempo sono impegnate su questo tema.

I DATI

La violenza sulle donne è tra le violazioni dei diritti umani più diffuse al mondo. Comprende, ad esempio, reati come la violenza sessuale, lo stupro, senza dimenticare quella psicologica.

In Italia e nel mondo subisce violenza, mediamente, una donna su 3 dai 15 anni in su.
Esemplificativo è il dato del 53% di donne in tutta l’Unione Europea che afferma di evitare determinati luoghi o situazioni per paura di essere aggredita.

Sono spesso i partner o ex partner a commettere gli atti più gravi: in Italia sono infatti responsabili del 62,7% degli stupri. (fonte ActionAid).

LE INIZIATIVE

La Città della Reggia si è contraddistinta con diverse iniziative. Una presentata al Teatro “I De Filippo” dall’Amministrazione Comunale, #VALESOLOLAMORE, tenutasi a novembre scorso, e l’altra che vede impegnato il Comune con una delibera del 29 gennaio con la quale si è deciso di partecipare al bando del PON “Legalità”, con il progetto “Casa delle Donne – Donna Elvira” (cfr. ns. articolo) che prevede l’istituzione di un centro di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Continuando su questa strada l’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Portici, L’UDI Territoriale e l’Associazione Salute Donna hanno organizzato, per Venerdì 16 un Flash Mob di presentazione del “Centro Antiviolenza Donne”. L’iniziativa si svolgerà alle ore 17,00 a Piazzale Brunelleschi.centroantiviolenza

IL CENTRO ANTIVIOLENZA

Il Centro Antiviolenza Donne opera all’Interno di Villa Savonarola, in C.so Garibaldi 200, è aperto il martedì e venerdì dalle 9,00 alle 13,00 ed il giovedì dalle 15,00 alle 18,00. Il servizio prevede la gratuità e garantisce l’anonimato.

A riguardo abbiamo sentito l’Assessore alle Pari Opportunità, Grazia Buccelli, che ci ha rilasciato la seguente dichiarazione “Questo significa ricordare le donne in ogni momento e non solo il 25 novembre e l’8 marzo. Con questa iniziativa vogliamo esprimere la nostra volontà di contrastare ogni forma di violenza, attraverso una risposta adeguata. Il problema dei maltrattamenti di genere è particolarmente sentito in tutti gli aspetti, esistono delle BUCCELLIcondotte che distruggono la donna nella propria identità e dignità. Mi riferisco al sessismo di certe affermazioni, agli insulti e all’utilizzo indisciplinato del web. Donne che hanno il terrore di manifestare il proprio pensiero, perché si sentono giudicate, questo è inaccettabile. I casi di molestie fisiche, abusi sessuali e femminicidi aumentano. Per arginare l’emergenza dobbiamo rivolgerci alle nuove generazioni e farlo con insistenza, proponendo delle attività che rientrano in una programmazione ben definita tramite l’ausilio delle Istituzioni Scolastiche e le Associazioni che operano costantemente sulla prevenzione“.