Emergenza plastica: capodoglio spiaggiato ad Ischia

emergenza plastica

Leopoldo, un capodoglio lungo otto metri, muore sul litorale ischitano. L’ emergenza plastica continua a mettere a rischio i nostri mari

Si è spiaggiato sul litorale nord-ovest dell’isola di Ischia la vigilia di Natale; nel suo stomaco hanno poi trovato buste di plastica e fili di nylon. Leopoldo, un capodoglio lungo otto metri, è l’ennesima vittima -anche se non diretta-dell’emergenza plastica che riguarda i nostri mari.

Stando a quanto riportato da la Repubblica, dall’analisi del corpo senza vita dell’animale, rinvenuto sugli Scogli degli Innamorati, la causa di morte non sarebbe prettamente riconducibile alla quantità di plastica ingerita. Nonostante ciò, come sottolinea il comandante della guardia costiera di Ischia, Andrea Meloni, «è sempre più chiaro il rischio al quale sono esposte le specie di cetacei che abitano il nostro mare».

Un rischio che difficilmente si può ignorare dato che il golfo di Napoli è un punto di transito di ben 8 specie diverse di mammiferi marini. Inoltre, Leopoldo non è la prima vittima dell’usa&getta. A novembre un altro cetaceo è morto. Nel suo stomaco è stata ritrovata una vera e propria discarica in miniatura: bicchieri monouso, buste e bottiglie, infradito e fili di nylon. Insomma, l’emergenza plastica non è un problema marginale.

La tutela del mare e la lotta all’inquinamento ambientale diventano, quindi, un compito da non sottovalutare. Il capodoglio Leopoldo diverrà il simbolo-promemoria contro l’emergenza plastica. Il suo scheletro sarà, infatti, successivamente esposto nel museo di biologia marina del Dohrn di Napoli. 

Il recupero e il lavoro sulla carcassa ha visto l’impegno, assieme al comune di Forio d’Ischia, di protezioni civili e addetti alla vigilanza urbana. Hanno collaborato anche la stazione zoologica Dohrn, il CERT, il CREDIMA, l’università degli studi di Napoli Federico II, l’Area Marina Protetta, Oceanomare, Nettuno Lavori Subacquei e Acquavet.

 

 

Fonte la Repubblica Napoli

Foto da la Repubblica Napoli