23 Luglio 2020

Discriminazione contro i meridionali, nuovo episodio in Friuli

Discriminazione

Discriminazione contro i meridionali, una turista è costretta a disdire la prenotazione di una casa in Friuli per le sue origini

Nuovo caso di discriminazione contro i meridionali.

Una turista nata a Napoli ha dovuto disdire la sua prenotazione in una località vacanziera del Friuli-Venezia Giulia.

A darne notizia è il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli in un suo post sulla sua pagina Facebook.

In seguito al terribile episodio, la giovane turista, Lucia Marsicano, ha denunciato l’accaduto presso il giornale Napoli Today.

La donna aveva prenotato una casa in una località di vacanze in Friuli Venezia-Giulia, allegando le sue generalità e quelle del suo compagno.

Dopo aver confermato che tutto sia andato bene nel momento della prenotazione, la donna ha proceduto con il pagamento della casa.

In quel momento, il proprietario ha scoperto che è nata nel capoluogo campano e le ha chiesto di cancellare la prenotazione per evitare problemi con l’host.

La turista ha commentato la sua triste vicenda con le seguenti parole:

“Non è la prima volta che mi capita nel Nord-Est una disavventura simile. Ho sicuramente sbagliato io a non dire che sono una terrone. La prossima volta scriverò: mi chiamo Lucia, sono nata a Napoli da genitori Lucani, ma a 12 anni mi sono trasferita a Roma, dove attualmente vivo.”

https://www.facebook.com/489369491216947/posts/1759405004213383/

Potrebbe interessarti: Caso Noemi, i colpevoli sono stati condannati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.