13 Maggio 2020

De Luca: “Imbecille doppio chi porta mascherina appesa al collo”

coronavirus

De Luca interviene sull’uso delle mascherine in Campania: “Dobbiamo combattere gli imbecilli doppi: quelli che portano la mascherina, ma ce l’hanno appesa al collo come un ciondolo”

«Noi dobbiamo combattere gli imbecilli doppi- così esordisce il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nell’intervento tenuto in occasione dell‘inaugurazione del nuovo reparto di terapia intensiva del Covid Hospital a Boscotrecase.

«L’imbecille normale- spiega De Luca– è quello che non porta la mascherina. Poi c’è l’imbecille doppio che è quello che porta la mascherina, ma la porta appesa al collo come un ciondolo». Nel corso dell’intervento De Luca ha ribadito che l’uso delle mascherine in Campania è obbligatorio da inizio maggio e che chi non rispetta l’obbligo è passibile di sanzione. Inoltre, sottolinea De Luca, chi non indossa correttamente la mascherina «è scemo due volte, perché si prende il fastidio e non si prende neanche la tutela sanitaria».

«Dev’essere chiaro che da oggi in poi, senza il senso di responsabilità e l’autocontrollo dei cittadini, non basterà nessuna ordinanza. Se questo senso di responsabilità non c’è, dobbiamo prepararci a una tragedia», ha dichiarato il presidente della Regione Campania. «L’uso della mascherina è obbligatorio ed è obbligatorio che tutte le forze dell’ordine e le polizie municipali siano attente e sanzionino quelli che non rispettano le ordinanze, perché se tutti quanti girano la testa dall’altra parte, noi andremo verso una tragedia. È bene dirlo chiaro e forte. Se abbiamo i cittadini che rispettano le ordinanze, mantengono un livello elementare di protezione, le mascherine sempre indossate, la distanza e il lavaggio delle mani, credo che potremo aprire tutte le attività. Se questo senso di responsabilità non c’è, dobbiamo prepararci a una tragedia, tutto qua» ha concluso Vincenzo De Luca.

Potrebbe interessarti anche: BOSCOTRECASE, MUOIONO 4 PAZIENTI DI SOMMA PER IL CORONAVIRUS

Fonte dichiarazioni Il fatto vesuviano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.