Coronavirus, Galli:”Possibile nuova ondata, non possiamo togliere le mascherine”

Coronavirus
Si ringrazia Globalist.it per la foto.

Il professor Galli torna a parlare di Coronavirus: per lui è possibile una seconda ondata. Sulle mascherine:”Uso casuale fino ad ora, toglierla è segnale sbagliato”

Questa volta a parlare del coronavirus e sui possibili effetti nel medio futuro che il virus potrebbe avere è Massimo Galli, infettivologo.

Abbiamo imparato a conoscerlo tramite le varie apparizioni in tv: oggi il direttore del dipartimento di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano è stato ascoltato dai colleghi di Repubblica.

Secondo il dottore «Non c’è controprova che i nuovi contagiati siano debolmente positivi  Mentre molti debolmente positivi non passano il contagio, non abbiamo la certezza che qualcuno di loro non possa trasmetterlo. Credo si debba fissare una ‘linea del Piave’: per operatori di ospedali e Rsa, i lavoratori a contatto col pubblico e quelli delle scuole, l’attività non dovrebbe riprendere prima della negatività del tampone».

«Non possiamo escludere una nuova ondata dall’autunno, e questo mi pare in contraddizione con la scelta della Lombardia di togliere l’obbligo all’uso della mascherina. Mi auguro che il virus sparisca, come è successo per la Sars, ma faccio fatica a crederlo»,

«Mi sembra che finora l’utilizzo delle mascherine sia stato abbastanza casuale, non rispettato in maniera costante da parte di tutti. Sospenderne adesso l’uso è prematuro, è un segnale sbagliato, si mette il carro davanti ai buoi: il virus è ancora tra noi».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: CORONAVIRUS, NUOVO CASO A POZZUOLI: 38 ENNE TRASFERITO AL COTUGNO

SEGUICI SU FACEBOOK: CLICCA QUI