Carnevale: cosa portano in tavola i napoletani?

carnevale

Il Carnevale è alle porte. Manca poco alla festa più divertente dell’anno. Quali cibi sono soliti preparare i napoletani? Scopriamolo insieme!

Siamo agli sgoccioli. Il Carnevale sta per arrivare.

Le maschere sono pronte, i bambini sono entusiasti e gli adulti partecipano con gioia ai festeggiamenti.

Ma si sa, il Carnevale è anche un momento di stravizi a tavola. Scopriamo insieme cosa propone la tradizione gastronomica napoletana.

Regina indiscussa : la lasagna. La lasagna è un piatto tipico emiliano, ma i napoletani l’hanno rielaborata così bene da farla diventare il pezzo forte di questa festività.

Ricotta, ragù, polpettine e mozzarella dominano sovrani e siamo ben lontani da carne tritata e mozzarella della tradizione del nord. I napoletani la mangiano o la domenica a pranzo o il giorno del martedì grasso come usanza vuole.

Volendo passare al secondo piatto non può di certo mancare a Carnevale la braciola (a prova di colesterolo), insieme al famosissimo ragù.

Il dolce tipico  del periodo è il migliaccio. Le vetrine delle pasticcerie sono colme di questo simpatico pasticciotto a base di semolino, presente con la variante dello zucchero caramellato in superficie. In qualsiasi casa napoletana sarete inebriati dall’odore dolce della cannella! Una vera goduria.

Come non ricordare le chiacchiere. Una striscia di pasta, fatta solo con acqua e farina, con la classica bordatura a zig-zag, Ne esistono tante varianti: fritte o al forno, farcite o semplici.

Le chiacchiere vengono poi intinte nel celeberrimo sanguinaccio. Il nome deriva dalla tradizione che lo voleva realizzato con una percentuale di sangue di maiale, oggi non più utilizzata. Questa delizia del palato, a base di cioccolato, mette a dura prova la bilancia e può essere consumata realmente a cucchiaiate.

Non resta che mettersi ai fornelli e sicuramente anche a tavola, aspettando il Carnevale!