Mar - 25 Gennaio 2022
HomeAttualitàBonus taxi Covid, Napoli rischia di perdere 2 milioni di euro

Bonus taxi Covid, Napoli rischia di perdere 2 milioni di euro

Covid-19

Italia
2,709,857
Totale casi Attivi
Updated on 25 January 2022 5:29

Bonus taxi Covid, Napoli rischia di perdere 2 milioni di euro perchè il progetto non è partito. Lo scenario attuale in città

Sono fermi i Bonus taxi Covid 2021 al Comune di Napoli. Per il capoluogo partenopeo erano stati stanziati 2 milioni di euro, ma adesso c’è il rischio di perderli. Nei mesi scorsi, nello specifico a giugno, è stato fatto l’avviso per l’accreditamento delle cooperative radiotaxi. Trattasi di voucher viaggio fino a 120 euro (massimo 20 euro a corsa) per le donne in dolce attesa, gli over 65 e le famiglie con bambini fino a 3 anni, che danno diritto allo sconto del 50% sulle corse, spendibili fino al 31 dicembre 2021 grazie ai fondi messi a disposizione dal Governo con il Decreto Rilancio e dal Decreto Sostegni. Mentre a Roma i Bonus taxi Covid sono partiti lo scorso ottobre, a Napoli resta tutto bloccato.

Il progetto stilato prevede che il viaggiatore paghi solo il 50% dell’importo finale e il tassista venga rimborsato direttamente dal Comune. A ottobre il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con a capo Enrico Giovannini, ha comunicato che “l’erogazione dei buoni viaggio e l’assegnazione a ciascun Comune capoluogo di Città metropolitana o capoluogo di provincia risorse complessive pari a 20 milioni di euro per erogare buoni viaggio alle persone residenti che hanno una mobilità ridotta, anche accompagnate, o appartenenti alle fasce rese economicamente più deboli dagli effetti della pandemia”.

Come detto in apertura il Bonus taxi Covid è riconosciuto per gli spostamenti in taxi o con servizi di Ncc effettuati entro il 31 dicembre 2021 ed è pari al 50% della spesa sostenuta fino a un massimo di 20 euro a percorso. L’incentivo è rivolto anche ai cittadini con mobilità fisica ridotta, patologie accertate, reddito Isee inferiore a 28 mila euro e disoccupati o in cassa integrazione.

Fondi a rischio per la città di Napoli

“Lo scorso anno per la città di Napoli sono stati stanziati dal Governo centrale circa 2 milioni di euro per istituire i buoni taxi. Questa somma è stata erogata per far si che i nostri concittadini penalizzati dal Covid19 potessero usufruire del servizio pubblico non di linea taxi ed Ncc, e al contempo dare un po’ di lavoro ad un settore messo in ginocchio dalla pandemia. Tutti gli enti preposti hanno fatto la loro parte, noi come consorzio abbiamo partecipati al bando e tutto era pronto per partire. Inspiegabilmente e senza un motivo l’assessorato al Welfare non ha dato seguito alla procedura finale, di conseguenza si è tutto arenato. La somma stanziata è già sul conto corrente del Comune di Napoli. Il 31 dicembre è l’ultimo giorno utile per poterne usufruire dopodiché i fondi torneranno a Roma. È assurdo che la terza città d’Italia non riesca a far fruire i propri cittadini di questa iniziativa“. – Queste le parole scritte da Ciro Langella e riprese da Fanpage.it.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO: “MANFREDI SU DE MAGISTRIS: “HA LASCIATO IL COMUNE SENZA UN EURO, AVEVA 54 STAFFISTI”. IL NEOSINDACO RISPONDE AGLI ATTACCHI

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON OGNI NOTIZIA DI CRONACA, ATTUALITÀ, POLITICA, UNIVERSITÀ, SPORT, NAPOLI FEMMINILE, CULTURA, EVENTI, MANIFESTAZIONI E TANTO ALTRO: CLICCA QUI

Latest Posts

ULTIME NOTIZIE