Home Cultura BiblioApe: la biblioteca itinerante di Napoli

BiblioApe: la biblioteca itinerante di Napoli

biblioape
Immagine tratta da Napolidavivere

La BiblioApe è la nuova attrattiva culturale pensata dal Comune di Napoli: un modo innovativo per promuovere la lettura a Napoli

Ai Napoletani l’inventiva non manca mai e, anche le attività all’apparenza più banali, possono diventare un modo per creare attrattiva e coesione familiare. Ai bambini e alle loro famiglie, il Comune di Napoli offre la BiblioApe. Si tratta di una biblioteca itinerante: un piccolo apecar bianco, tutto decorato e colmo di libri.

La BiblioApe vagherà per la città in orari prestabiliti e, gli operatori organizzeranno dei veri e propri laboratori di lettura all’aperto. Lo scopo è quello di avvicinare i più piccoli alla scoperta del piacere della lettura e, contemporaneamente, creare un ambiento sereno e armonioso, dove grandi e piccini possano ritrovarsi.

PROGRAMMAZIONE BIBLIOAPE

Febbraio 2019

  • Sabato 16 febbraio 2019 – ore. 10.00-14.00 Piazza Municipio
  • Mercoledi 20 febbraio 2019 – ore 15.30-18.30 Piazza del Gesù
  • Sabato 23 febbraio 2019 – ore. 10.00-14.00 Piazza Vittoria
  • Mercoledì 27 febbraio 2019 – ore 15.30-18.30 Piazza Carità

Marzo 2019

  • Sabato 2 marzo 2019 – ore. 10.00-14.00 Piazza Municipio
  • Mercoledi 6 marzo 2019 – ore 15.30-18.30 Piazza del Gesù
  • Sabato 9 marzo 2019 – ore. 10.00- 14.00 Piazza Vittoria
  • Mercoledì 13 marzo 2019 – ore 15.30-18.30 Piazza Carità
  • Sabato 16 marzo 2019 – ore. 10.00-14.00 Piazza Municipio
  • Mercoledi 20 marzo 2019 – ore 15.30-18.30 Piazza del Gesù
  • Sabato 23 marzo 2019 – ore. 10.00-14.00 Piazza Vittoria
  • Mercoledì 27 marzo 2019 – ore 15.30-18.30 Piazza Carità
  • Sabato 30 marzo 2019 – ore. 10.00-14.00 Piazza Municipio
Articolo precedenteTribunali, colpi di pistola contro la nota pizzeria Di Matteo
Prossimo articoloCarnevale 2019: la Federico II apre le porte ai più piccini
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.