Arenaccia, il quartiere diventa un presepe vivente

arenaccia

Arenaccia, nei giorni 2 e 3 gennaio 2016 al via la quinta edizione del presepe vivente nel quartiere

Un intero quartiere trasformato in presepe vivente: è l’Arenaccia che si trasforma che assume un nuovo volto per il 2 e il 3 Gennaio. L’iniziativa, giunta alla quinta edizione, nasce grazie a don Raffaele Pescicolo, Parroco delle Chiese S. Alfonso all’Arenaccia e S. Maria delle Grazie e S. Atanasio. L’intento dell’iniziativa è quello di far rivivere l’emozione della nascita di Gesù attraverso la rappresentazione di un presepe vivente, coinvolgendo parrocchiani e collaboratori di ogni età.

Divenuto ormai un appuntamento tradizionale, il quartiere sembra non aspettare altro: tanto è l’entusiasmo riversato dai giovani a tutti gli abitanti del quartiere, che come ogni anno si danno ancora una volta da fare per presentare il loro lavoro e narrare l’evento in costume, dopo essersi rimboccati le maniche allestendo scenari, procurando gli animali, montando panche, tavoli, accessori e arredi vari.

Arenaccia

L’organizzazione di un presepe vivente non è semplice: preclude un lavoro non indifferente che comincia almeno tre mesi prima, in cui don Lello insieme ai suoi collaboratori, progetta, allestisce, mette in opera, procura materiale, si occupa di avvisare forze dell’ordine e di avere permessi su permessi. Ma il risultato è sempre stupefacente: addentrandosi all’interno, il visitatore dimentica la sua epoca, torna indietro nel tempo, e rivive quell’evento che è sinonimo di “purezza”.

È questo il messaggio fondamentale che il presepe vivente vuole rimanga impresso nei cuori di ognuno. L’iniziativa è patrocinata dalla IV Municipalità, mentre la “madrina” dell’evento sarà Angela Luce.